Feed RSS

Archivi tag: merenda

Chocolate chips cookies

Inserito il

chocolate chip cookies

Per questa ricetta devo solo dirvi 2 parole: DOVETE PROVARLI!
Per una serie di semplici ragioni: hanno le gocce di cioccolato, sono veloci da fare, sono fantasmagorici in ogni momento (con il caffè, pucciati nel latte, sgranocchiati in un momento di “umore down”) e la ricetta arriva da Sigrid.

Se avete i figli che ciondolano per casa e che dopo solo 2 giorni dalla fine della scuola “non sanno che fare” metteteli all’opera. Si divertiranno. E sgranocchieranno con piacere.

Rispetto alla ricetta originale ho cambiato e ridotto il cioccolato e sostituito (per impossibilità di reperimento) alcuni ingredienti!
Visto che mi sono piaciuti assai (e non solo a me) li ho anche rifatti una seconda volta, riducendo però le dosi perchè non volevo “avanzare” un albume. Vi dirò che con questi cambiamenti quasi mi sono piaciuti ancora di più! Insomma, scegliete la versione che vi convince di più, ma fateliiiii!

chocolate chip cookies

P.S. forse vi chiederete perchè nella foto il latte ha due colori diversi..nella bottiglia c’è latte vaccino, nel bicchiere latte di soia..non ne avevo abbastanza nè di uno nè dell’altro..così mi sono arrangiata come potevo!

Per circa 20/25 cookies grandi

CHOCOLATE CHIP COOKIES

200 gr zucchero di canna
100 gr zucchero semolato
170 gr burro morbido
1 uovo + 1 tuorlo
1 cucchiaio di sciroppo di barbabietola da zucchero (o sciroppo di agave o d’acero)
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
270 gr farina
5 gr bicarbonato
5 gr sale
150 gr gocce di cioccolato fondente

In una ciotola lavorare il burro morbido con gli zuccheri, il sale, la vaniglia e lo sciroppo (a mano con un cucchiaio o in planetaria con la foglia va bene uguale). Ottenuta una spuma morbida aggiungere l’uovo e il tuorlo e incorporare. Aggiungere la farina con il bicarbonato e mescolare fino a ottenere un composto omogeneo, incorporare le gocce di cioccolato.

Preriscaldare il forno a 160° in modalità ventilato.
Prendere un pò di composto tra le mani e fare delle palline da disporre su teglie ricoperte di carta forno, disporre i biscotti ben distanziati visto che si allargheranno del doppio in cottura.
Cuocere per circa 12/15 minuti, o fino a che risulteranno dorati. Lasciare raffreddare su una gratella e mangiare.

Per circa 20 cookies medi

CHOCOLATE CHIP COOKIES – versione 2

150 gr zucchero di canna
50 gr zucchero semolato
120 gr burro morbido
1 uovo
1 cucc.no abbondante di sciroppo di barbabietola da zucchero (o sciroppo di agave o d’acero)
1 cucc.no abbondante di estratto di vaniglia
180 gr farina semi-integrale
3 gr bicarbonato
3 gr sale
100 gr gocce di cioccolato fondente

Per lo svolgimento seguire la ricetta sopra.

Annunci

Muffin al caramello salato e mele

Inserito il

muffin al caramello e mele

Approfitto della pioggia degli ultimi giorni per postare una ricetta che avevo fatto qualche settimana fa e che si addice a un clima invernale e uggioso.
Vi avevo già raccontato del mio rapporto conflittuale con il caramello: non c’è nulla da fare, non riesco a gestirlo! Io e lo zucchero andiamo sempre molto d’accordo, ma non quando lo devo far arrivare a elevate temperature.
Per testardaggine ho voluto provare a fare un caramello salato, di quelli super buonissimi, burrosi da spalmare sul pane e l’idea era poi di usarlo per fare un gelato di quelli senza gelatiera (qui ne potete trovare due buoni esempi!!)…maaaa anche questa volta buco nell’acqua! Il caramello si è cristallizzato e invece di ottenere una bella crema spalmabile ho ottenuto una massa dura!! Comunque il sapore, almeno quello, era buono!

Così ho pensato, vista la presenza del burro, di scioglierlo e usarlo come parte liquida in dei muffin! Il sapore era davvero ottimo e la consistenza molto particolare: fondente, si scioglieva in bocca! Faceva quasi l’effetto di una caramella mou al contatto con la lingua. Insomma goduria allo stato puro.
Se vi trovate anche voi con un caramello “sbagliato” ecco a voi un buon modo di usarlo!

MUFFIN AL CARAMELLO SALATO E MELE

300 gr farina
1 bustina di lievito
50 gr zucchero di canna
300 gr di caramello al burro salato
50 gr latte
1 uovo
2 mele

Preriscaldare il forno a 180°.
In una ciotola miscelare la farina, il lievito e lo zucchero di canna. In microonde o a bagnomaria sciogliere leggermente il caramello insieme al latte. Aggiungerlo alle farine, aggiungere l’uovo e mescolare velocemente con un cucchiaio. Pelare e tagliare le mele a cubetti, aggiungerle all’impasto, incorporarle e suddividere l’impasto ottenuto in pirottini da muffin.
Cuocere per circa 20 minuti o fino a che uno stuzzicadenti ne uscirà pulito.

# 71 Torta di Jutta

Inserito il

Torta di jutta

Questa è una torta legata al ricordo. Forse non vi sembrerà un capolavoro di pasticceria ed infatti non lo è, è rustica, ricca e consolatoria. Sembra una polenta dolce, il cui sapore è addolcito da uvetta, zucchero e frutta secca e profumato dalla scorza di limone.
Questa era una torta che faceva sempre Jutta, la mamma di una mia amica di infanzia della Germania, ed ogni volta che ne addento un pezzo i ricordi riaffiorano alla memoria.
Non è incredibile la forza dei profumi e dei sapori?

Buon lunedì..

TORTA DI JUTTA

500 ml di latte
100 gr burro
200 gr zucchero
300 gr farina di mais
100 gr farina 00
4 uova
150 gr uvetta
150 gr pinoli (io un mix di nocciole, mandorle e pinoli)
5 gr di sale
la scorza di un limone non trattato
1 bustina di lievito

Preriscaldare il forno a 180°.
Sciacquare l’uvetta e metterla in ammollo in acqua o rum. Versare il latte in un pentolino capiente, aggiungere lo zucchero e il sale. Portare a ebollizione il latte, versarvi a pioggia le farine e con l’aiuto di una frusta sbattere in modo da ottenere una polentina. Travasare la polenta in una ciotola, aggiungere il burro a pezzi e incorporare. Aggiungere le uova e incorporare con l’aiuto di un cucchiaio. Aggiungere la scorza di limone, l’uvetta la frutta secca leggermente tritata e il lievito setacciato. Mescolare fino a che tutta la frutta sia ben distribuita. Imburrare e infarinare una teglia e versarvi il composto.
Cuocere per circa 40 minuti o fino a che uno stecchino non ne uscirà pulito.
Lasciar raffreddare e sformare.

# 70 Ciambella a sorpresa

Inserito il

Ciambellona a sorpresa

Avete presente quelle volte in cui necessitate di una bella fetta di torta di quelle buone, burrose, che sanno di zucchero e vaniglia, che vi appaghino anche l’umore? Quando vi capita non rinnegate la voglia, ogni tanto è concesso cadere in tentazione, no? Una fetta di una buona torta vi può cambiare la giornata, giuro!!

Questa torta è nata proprio in una di quelle occasioni descritte sopra. Volevo fare una ciambellona, perchè è una torta che ha una forma adorabile, ed adorabili sono anche le fette che si ottengono. Le trovo anche più comode da mangiare a essere sincera. Avevo pensato di fare una torta marmorizzata, ma poi ho pensato al dolce sapore delle nocciole e ho deciso di sostituire la parte del cacao con farina di nocciole. Scelta super azzeccata!
É un dolce molto semplice, casalingo, che però ha un che di elegante, non trovate? Saranno quelle noccioline caramellate sulla cima.
Provatela!

Ciambellona a sorpresa

CIAMBELLA A SORPRESA

200 gr burro
150 gr zucchero
4 uova
300 gr farina
8 gr lievito in polvere
1 tappo di rum bianco
3/4 di bicchiere di latte
vaniglia
100 gr farina di nocciole

zucchero e nocciole

Ciambellona a sorpresa

Preriscaldare il forno a 180°. Imburrare e infarinare uno stampo da ciambellone
Separare gli albumi dai tuorli. Montare gli albumi a neve, devono essere ben montati. A parte lavorare con le fruste il burro morbido con lo zucchero fino a ottenere un composto montato. Aggiungere i tuorli, il rum e la vaniglia e montare. Aggiungere la farina setacciata con il lievito, mescolare con un cucchiaio. Poco per volta incorporare il latte fino a ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere gli albumi, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Togliere 1/3 circa di impasto, aggiungere la farina di nocciole e mescolare delicatamente.
Versare poco più della metà dell’impasto liscio nello stampo, con l’aiuto di un cucchiaio creare una sorta di “fosso” in cui versare l’impasto alle nocciole. Coprire con l’impasto liscio rimanente, livellare e infornare.
Cuocere per circa 40/45 minuti, o fino a che uno stecchino non ne uscirà pulito.
Una volta intiepidito sformare e spolverare di zucchero a velo.

A piacere preparare le nocciole caramellate. In un pentolino tostare leggermente le nocciole. In un altro pentolino versare qualche cucchiaio di zucchero e posizionare sulla fiamma medio-bassa, non mescolare con un cucchiaio, se si vuole muovere lo zucchero roteate il padellino. Appena lo zucchero si scioglie ed ha assunto un colore biondo versarvi le nocciole, ricoprirle di caramello e versare su un asse coperto di carta forno. Lasciare raffreddare, spezzettare e decorare il dolce.

Scones con farina di mais e lamponi

Inserito il

Scones al mais e lampone

Ci avviciniamo al weekend e visto che la settimana della ripresa è stata durissima per tutti ci meritiamo una sveglia tardi e una colazione rilassata.
Con questi spero di convincervi che non potete più fare a meno degli scones, perchè sono davvero incredibili! Sarà la versatilità, sarà la loro dolcezza, sarà che sono da mangiare appena sfornati! In questa versione la farina gialla e di orzo gli da un sapore e una consistenza rustica che mi piace tanto e l’abbinamento con la composta di lamponi è azzeccatissima!

La ricetta arriva dal libro Good to the grain di Kim Boyce. Ho modificato in parte le farine e la marmellata, ed ho convertito i pesi e le misure a modo mio! Ho usato una caraffa graduata, ero troppo di corsa per misurarne il peso! È comunque molto facile anche senza bilancia!

Perdonerete queste foto, ma cercate di capirmi: come posso resistere a fare colazione per fare delle foto belle e carine con scenografia e macchina seria quando sono sveglia già da un’oretta e ho dovuto aspettare per impastare e infornare e ripulire? Ho ripiegato con delle foto dal cellulare, questa volta passi, la prossima mi impegnerò di più!

Scones al mais e lampone

SCONES CON FARINA DI MAIS E LAMPONI

500 ml di farina (io un mix di farina di orzo, farina di mais e farina 00)
60 ml di zucchero di canna
1 cucc.no raso di sale
2 cucc.ni di lievito
100 gr burro
1 uovo
125 ml di yogurt
q.b. di marmellata o composta di frutta (io lamponi)

Preriscaldare il forno a 200°.
In una ciotola miscelare le polveri, aggiungere il burro e lavorarlo con la punta delle dita per incorporarlo. Aggiungere poi l’uovo leggermente sbattuto con lo yogurt. Amalgamare. Uscirà un impasto piuttosto morbido ma resistete dalla tentazione di aggiungere farina.
Dividere l’impasto in 2 e su un piano infarinato stendere 2 dischi di circa 20/22 cm Ø. Spalmare su uno dei due dischi la marmellata scelta, lasciando 1 cm dal bordo. Sovrapporre l’altro disco e sigillare i bordi. Tagliare la “torta” in 8 spicchi, posizionarli su una teglia ricoperta di carta forno. Spennellare con del latte e spolverare di zucchero. Cuocere per circa 20/25 minuti, fino a che risultano dorati sopra e sotto.
Sfornare e servire subito! Da mangiare lisci o con del burro, o yogurt e con marmellata extra!

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...