Feed RSS

Archivi categoria: Focacce

Focaccia con semola – LML

Inserito il

focaccia con lml

Ecco uno dei recenti esperimenti con il mio Ciro che mi ha reso assai soddisfatta della sua prestazione: una super focaccia semplice, dalla crosta croccante e dalla mollica che si scioglie in bocca.
Poca lavorazione sull’impasto ma una serie di lunghe lievitazioni. Quindi armatevi di pazienza che potrete dare un morso alla vostra focaccia solo fra circa 26 ore!

Io l’ho già replicata un’altra volta raddoppiando le dosi: ho fatto il doppio dell’impasto, fatto lievitare in frigorifero, lasciato “scaldare” a temperatura ambiente per 3/4 ore e poi separato in due prima delle pieghe per fare due focacce singole.
Mi sa che la prossima volta che la preparo la trasformo in pane greco: focaccia sottile con fette di pomodoro profumate con origano…vi aggiornerò!

Se non vi ho convinto io spero lo abbiano fatto le foto!

focaccia con lml

FOCACCIA CON SEMOLA

70 gr licolì rinfrescato (idratato al 100%)
200 gr acqua
20 gr olio
200 gr di semola rimacinata di grano duro (del Mulino Priula)
150 gr di farina 0
1 cucc.no da caffè di sale

Sciogliere il licolì con l’acqua. Aggiungere l’olio e sbattere leggermente con una forchetta. Versare le farine e iniziare a impastare con il gancio della planetaria per una decina di minuti. Quando inizia a incordare aggiungere il sale e continuare a impastare per altri 5 minuti.
Oliare una ciotola, posizionare l’impasto e coprire con una pellicola, mettere in frigorifero a riposare per circa 16/17 ore.

Togliere dal frigorifero e lasciare a temperatura ambiente per circa 3/4 ore. Impastare leggermente, fare due serie di pieghe a 3 e riporre nella ciotola, coprire e lasciare lievitare per altre 4 ore.

Prendere una teglia pesante di circa 24 cm Ø. Oliarla abbondantemente, ribaltarci dentro l’impasto e schiacciando con i polpastrelli distribuire l’impasto su tutta la superficie, facendo attenzione a non eliminare le bolle d’aria formatesi.
Posizionare in forno a lievitare un’altra oretta, con un pentolino di acqua bollente sul fondo.

Togliere la teglia dal forno. Preriscaldare il forno a 250°.
Preparare un’emulsione di olio, sale e acqua. Quando il forno è caldo spennellare la superficie con l’emulsione, posizionare sul fondo del forno un pentolino con acqua bollente, infornare la focaccia e abbassare la temperatura a 220°.
Dopo 10 minuti togliere il pentolino d’acqua e proseguire la cottura per altri 20 minuti.
Sfornare, lasciar intiepidire e servire.

Annunci

Sandwich focaccia

Inserito il

Sandwich focaccia

Se ho del buon pane, o meglio ancora una focaccia fatta in casa e degli ingredientini sfiziosi mi piace ogni tanto farmi un bel panino. E così quando ho sfornato questa focaccia ho pensato bene che con del pecorino semistagionato e i pomodorini secchi sottolio della mamma avrei potuto farmi un bel sandwich.
L’ideale sarebbe mangiarlo in terrazza o in un bel prato, ma forse (anche se sembra che il sola si sia convinto ad uscire) fa ancora un pò fresco per tirare fuori i cestini dei pic-nic.
Optando per un panino si risparmia tempo per la preparazione del pranzo e lo si può dedicare al proprio passatempo preferito: lettura, cucito, giardinaggio, passeggiate e tutto quello che vi piace fare.

Io la mia focaccia l’ho farcita semplicemente con del pecorino semistagionato sardo, dei pomodorini secchi sott’olio con capperi e l’ho tostato per qualche minuto, ma ci si può sbizzarrire con gli abbinamenti!! Verdure grigliate e mozzarella; speck, trevisano e robiola; carciofini, prosciutto cotto affumicato e scamorza; salmone, creme-fraiche e erbette…insomma fatevi un sandwich.

Vi lascio la ricetta della focaccia che poi è diventata la protagonista del mio sandwich.

FOCACCIA CON SEMOLA

400 gr farina La Casereccia (Mulino Priula)
300 gr semola rimacinata
1 cucchiaio di sale
1 cucchiaio di malto d’orzo o miele
9 gr lievito di birra
q.b. acqua

olio, sale e erbe miste

Mescolare le farina e versarle nella ciotola della planetaria. Sciogliere il lievito in circa 300 gr acqua tiepida insieme al malto, versarla sulle farine e impastare. Aggiungere ancora dell’acqua, poca per volta fino a ottenere un impasto elastico ma appiccicoso. Dopo aver impastato almeno 5-6 minuti e l’impasto si è incordato aggiungere il sale e proseguire a impastare.

Creare una palla, posizionarla in una ciotola (va bene quella usata per l’impasto) unta di olio e coprire con della pellicola. Lasciare lievitare un paio d’ore.

Preparare una teglia di circa 40×30 cm unta con abbondante olio. Ribaltarvi sopra l’impasto e solo con l’uso dei polpastrelli delle mani schiacciare l’impasto in modo da stenderlo fino a ricoprire tutta la superficie della teglia. Creare su tutta la focaccia con la pressione dei polpastrelli i tipici buchi della focaccia, spennellare d’olio e mettere in forno a lievitare con la luce accesa.

Togliere la focaccia dal forno e preriscaldarlo a 220°.
Andare in giardino o in terrazza e raccogliere un mix di erbe: rosmarino, salvia, origano… Lavarle, asciugarle e togliere le foglioline dallo stelo. In una ciotolina creare un’emulsione di acqua, olio, sale e aggiungere le erbe. Appena prima di infornare spennellare la superficie con l’emulsione e distribuire le erbe sulla superficie.
Infornare per circa 25-30 minuti. La focaccia deve essere ben dorata sopra e croccante alle base.

Lasciare intiepidire, tagliare a triangoli e farcire a piacere.

Il venerdì della zucca: focaccia di farro con zucca e rosmarino

Inserito il

Focaccia alla zucca e rosmarino

Visto che la stagionalità influenza in maniera inevitabile la nostra cucina ho deciso che per ogni stagione (se ne avrò occasione) dedicherò una sezione speciale a qualche frutto/ortaggio del periodo.
Dopo l’arrivo della prima zucca in casa è stata la fine per questo povero ortaggio: ce ne divoriamo una media di 2 a settimana. Se la mia sorella minore potesse credo si farebbe anche lo shampoo con il purè di zucca!
Detto questo inauguro oggi  (anche se ho già iniziato settimana scorsa) il VENERDÍ della ZUCCA!
Di sicuro questo ortaggio di ispirazione ne dà tanta, spero solo di soddisfare le vostre aspettative!!

Oggi ho usato la zucca in maniera un pò alternativa. Avete presente la focaccia pugliese in cui all’impasto si aggiunge una patata lessata schiacciata? beh, io ho pensato di farlo con la zucca e profumare il tutto con dell’olio al rosmarino!
Il risultato è ottimo: croccante fuori ma umida e areata all’interno. Il sapore della zucca non si sente particolarmente ma permette alla focaccia di mantenere l’umidità all’interno dell’impasto, e quindi di non risultare secca.

Focaccia alla zucca e rosmarino

FOCACCIA DI FARRO CON ZUCCA E ROSMARINO

400 gr farina 0
200 gr farina di farro integrale spelta
1/6 di zucca delica  (io ho tagliato uno spicchio dalla mia, non è necessario pesare, a occhio andrà benissimo)
1 cucchiaio raso di sale
15 gr di lievito di birra
400 gr acqua

30 gr olio evo + un pò
3 rametti di rosmarino

Cuocere la zucca: tagliarla a pezzi e cuocerla con la buccia per circa 6/7 minuti alla massima potenza in microonde con un dito di acqua. Nel mentre pesare le farine, mescolarvi il sale e a parte sciogliere il lievito nell’acqua tiepida. Rimuovere la buccia dalla zucca e con l’aiuto di uno schiacciapatate schiacciare la polpa e mescolarla insieme alle farine.
Versare l’acqua sulle farine e con l’aiuto di una forchetta mescolare, fino a ottenere un composto omogeneo. Risulterà mooolto morbido.
Ungere con abbondante olio una teglia di circa 40×30 cm dai bordi alti. Versarvi il composto e con l’aiuto della forchetta creare uno strato uniforme. Coprire con pellicola e lasciare lievitare circa 2 ore.
Nel mentre versare l’olio in un pentolino, scaldare leggermente e poi mettere in infusione i rametti di rosmarino.

Preriscaldare il forno a 210°.
Aggiungere un goccio di acqua all’olio al rosmarino e un pizzico di sale in modo da creare un’emulsione. Spennellare delicatamente la superficie della focaccia, distribuirvi il rosmarino e cuocere per circa 40 minuti.

Vi consiglio di mangiarla tiepida, è la morte sua!
Quella che vi avanza tostatela leggermente prima di servirla, recupera subito la fragranza, garantito!

Focaccia croccante

Inserito il

Focaccia croccante

Le ispirazioni per questa ricetta sono state molteplici. Volevo provare a fare il famoso pane senza impasto, ma il pane mi serviva per sera e non avevo tempo abbastanza. Volevo allora fare qualcosa di croccante e goloso per accompagnare una grigliata serale. Ecco quindi che sono capitata qui e ho visto questa bellissima focaccia, rosmarino e limone! Che invenzione! La quale ricetta era una interpretazione di una ricetta di Aniceecannella.
Io le ho prese, lette, mi sono resa conto di non avere né i fiocchi di patate né lo strutto e ho deciso di farla lo stesso a modo mio.
Risultato eccezionale. La focaccia con i pomodorini lo sanno tutti che è buona, ma quella limone e rosmarino no, quindi vi invito davvero a provarla. Soprattutto se fate una grigliata, aiuta a pulire la bocca dai sapori!

Sappiate che è una focaccia bassa, ma che focaccia!!

FOCACCIA CROCCANTE

500 gr farina macinata a pietra
9 gr lievito di birra
1/2 cucchiaino di miele o malto d’orzo
10 gr di sale
25 gr olio evo
300 gr acqua circa

olio, sale
pomodorini e origano fresco
1 limone non trattato e rosmarino fresco

In una ciotola versare la farina, il sale, il miele, l’olio e il lievito. Versarvi a pioggia l’acqua e iniziare a mano a impastare. Aggiungere tanta acqua da ottenere un impasto molto morbido, un poco appiccicoso (io l’acqua l’ho usata tutta). Coprire la ciotola con una pellicola e lasciare lievitare per circa 2 ore e mezza.

Riprendere l’impasto. Ungere bene di olio un piano e le mani. Sempre con le mani stendere l’impasto in modo da ottenere un rettangolo, ripiegare il lembo sinistro verso il centro e sovrapporre il lembo destro sul sinistro (come le pieghe di una brochure diciamo). Dividere l’impasto a metà e ripetere per ciascun panetto le stesse pieghe. Formare due pagnottine, coprire e lasciare lievitare per un’altra oretta.

Preparare due teglie ben unte, su ciascuna disporvi un panetto e stendere l’impasto solo lavorandolo con i polpastrelli delle dita. Preparare un’emulsione di acqua e olio, spennellare. Lasciare riposare per mezz’ora o per un altro paio di ore (la ricetta originale prevedeva mezz’ora, ma io ho avuto un imprevisto e quindi l’ho lasciata a lievitare un altro paio di orette).
Nel mentre preparare i pomodorini. Lavarli, asciugarli, tagliarli a fettine e condirli con olio, sale e origano fresco.

Preriscaldare il forno a circa 240°.
Su una delle focacce distribuire i pomodorini con il loro succo. Infornare per circa 10/15 minuti.
Nel mentre lavare il limone e il rosmarino, asciugare bene, tagliare il limone a fette sottili, distribuire le fette sulla focaccia, distribuire il rosmarino, spolverare di sale pepe e un filo d’olio. Infornare per circa 10/15 minuti.

Note: consiglio di cuocere una focaccia per volta. I tempi so che vi sembreranno brevissimi. Io ho usato il programma pane del mio forno alla temperatura massima, e vi posso garantire che dopo 10 minuti erano già cotte entrambe: croccanti fuori e morbide e areate dentro.

Pizza bianca integrale con zucchine e pomodorini

Inserito il

Pizza bianca integrale con zucchine e pomodorini

Nella speranza che il tempo migliori e la primavera si faccia avanti vi propongo oggi questa gustosa pizza/focaccia per niente impegnativa.
É perfetta per una serata divano+film/partita perchè non servono coltelli e forchette, oppure da portare al posto del pane in un pic-nic domenicale ( sole+amici+picnic+pizza= 🙂 ).

L’impegno è davvero minimo, non bisogna impastare nè sporcare mille vettovaglie, l’unica cosa da tenere in considerazione sono i tempi!! Se la volete per pranzo dovete portarvi avanti la sera prima, ma se la preparate per cena basta iniziare all’orario di pranzo e i tempi sono perfetti! La ricetta è nata vedendo l’esecuzione della focaccia integrale di Gabriele Bonci, ho infatti mantenuto il rapporto farina-acqua e farina-lievito. Ho modificato le farine e ne ho fatto una pizza!

Vi consiglio davvero davvero di provarla, è super-semplice e la soddisfazione che proverete dandole un morso vi convincerà a farla di nuovo!

PIZZA BIANCA INTEGRALE CON ZUCCHINE E POMODORINI

100 gr farina 0
300 gr farina integrale
200 gr semola di grano duro
400 gr acqua
4 gr lievito di birra secco
1 cucchiaino di malto d’orzo (o miele)
1 cucchiaio raso di sale

2 zucchine, tagliate a fette per il lungo e grigliate leggermente
2 manciate di pomodorini ciliegina
q.b. formaggella morbida, pecorino morbido (o altro formaggio a piacere)
prosciutto crudo

In una ciotola miscelare le farina e il lievito. Sciogliere nell’acqua il malto d’orzo. Versare l’acqua sulle farine mescolando con un cucchiaio, fino a che non avranno assorbito tutta l’acqua. Aggiungere il sale e mescolare ancora. Versare l’impasto in una ciotola ben unta, coprire con una pellicola e lasciare  lievitare per 4 o 5 ore a temperatura ambiente.

Preparare due teglie ben unte di olio (io ho usato una tonda da 30 cm Ø e una rettangolare da 30×40 cm circa), suddividere l’impasto in misura proporzionale alle dimensioni delle teglie e adagiarvi l’impasto. Utilizzando le dite delle mani (unte di olio) stendere l’impasto su tutta la superficie della teglia. Lasciare lievitare nel vano del forno chiuso per circa 1 o 2 ore.

Togliere le teglie dal forno e preriscaldarlo a 230° .
Lavare i pomodorini e tagliarli a metà. Tagliare il formaggio a dadini. Distribuire i formaggi sulla superficie, proseguire con le zucchine e i pomodorini. Salare leggermente il tutto, versare un filo di olio e infornare nella parte bassa del forno per circa 10/15 minuti. Passato questo tempo spostare la pizza nella parte alta del forno per altri 10 minuti.
Verificare la cottura della base, se colorata sfornare.
Tagliare e servire calda con del crudo appena affettato, oppure far raffreddare, tagliare e portare con se per un pic-nic!

Note: se volete è possibile preparare l’impasto la sera prima e lasciarlo lievita tutta notte in frigorifero. La mattina dopo lo si distribuisce nelle teglie, lo si lascia lievitare e si cuoce come da indicazioni sopra!

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...