Feed RSS

Archivi tag: aperitivo

# 64 Cake salato ai fichi, nocciole e branzi

Inserito il

Cake nocciole, fichi e branzi

I cake salati, come i muffin salati, permettono di giocare sui sapori, le consistenze e permettono di spaziare in maniera incredibile sugli ingredienti. Vi va di usare qualche ingrediente in maniera un pò diversa? Fate un cake! Volete creare un accostamento agro-dolce? Fate un cake! Volete far mangiare la verdura ai vostri bimbi? Fate un cake!
Se non vi ho convinto così spero che almeno le foto vi convincano.

I cake sono perfetti per accompagnare salumi, ma anche ottimi mangiati da soli con una bella insalata.
Questo è un cake che può essere usato come accompagnamento a formaggi e salumi o da fare in monoporzione come aperitivo. Io l’ho preparato per accompagnare una vellutata di verza; una zuppa con una fetta di questo fa piatto unico.

Ho usato un bel mix di farine integrali e rispetto ai soliti cake ho voluto evitare il latte (questo non lo rende dairy free perchè poi ho messo parmigiano e branzi!). L’ideale sarebbe usare una birra, anche ambrata, ma io in assenza mi sono accontentata di un bianco fermo. A livello aromatico la birra è l’ideale.

Ora mettetevi al lavoro! Nel giro di 15 minuti l’avrete infornato e in un’ora il profumo riempirà la vostra casa!

Cake nocciole, fichi e branzi

CAKE SALATO AI FICHI, NOCCIOLE E BRANZI

100 gr farina di orzo
150 gr farina integrale di farro
1 bustina di lievito per torte salate
100 gr di parmigiano grattugiato
65 gr di nocciole tritate grossolanamente (con il coltello, no mixer!)
4 fichi secchi a dadini
150 gr di formaggio branzi a dadini
3 uova
100 ml olio evo
100 ml di vino bianco (l’ideale sarebbe la birra, ma io non ne avevo!)
q.b. di sale e pepe

Preriscaldare il forno a 190°.
Foderare uno stampo da cake con carta forno.
In una ciotola mescolare le due farine con il lievito, aggiungere il parmigiano, le nocciole e i fichi. A parte mescolare le uova con l’olio e il vino (o birra), salare e pepare. Versare i liquidi sulle polveri e mescolare il meno possibile fino a ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere il formaggio a dadini e amalgamare.
Versare l’impasto nello stampo e distribuire qualche dadino di branzi tenuto da parte.
Infornare per circa 40 minuti o fino a che uno stecchino ne esca pulito.
Servire tiepido.

Annunci

Il venerdì della zucca: focaccia di farro con zucca e rosmarino

Inserito il

Focaccia alla zucca e rosmarino

Visto che la stagionalità influenza in maniera inevitabile la nostra cucina ho deciso che per ogni stagione (se ne avrò occasione) dedicherò una sezione speciale a qualche frutto/ortaggio del periodo.
Dopo l’arrivo della prima zucca in casa è stata la fine per questo povero ortaggio: ce ne divoriamo una media di 2 a settimana. Se la mia sorella minore potesse credo si farebbe anche lo shampoo con il purè di zucca!
Detto questo inauguro oggi  (anche se ho già iniziato settimana scorsa) il VENERDÍ della ZUCCA!
Di sicuro questo ortaggio di ispirazione ne dà tanta, spero solo di soddisfare le vostre aspettative!!

Oggi ho usato la zucca in maniera un pò alternativa. Avete presente la focaccia pugliese in cui all’impasto si aggiunge una patata lessata schiacciata? beh, io ho pensato di farlo con la zucca e profumare il tutto con dell’olio al rosmarino!
Il risultato è ottimo: croccante fuori ma umida e areata all’interno. Il sapore della zucca non si sente particolarmente ma permette alla focaccia di mantenere l’umidità all’interno dell’impasto, e quindi di non risultare secca.

Focaccia alla zucca e rosmarino

FOCACCIA DI FARRO CON ZUCCA E ROSMARINO

400 gr farina 0
200 gr farina di farro integrale spelta
1/6 di zucca delica  (io ho tagliato uno spicchio dalla mia, non è necessario pesare, a occhio andrà benissimo)
1 cucchiaio raso di sale
15 gr di lievito di birra
400 gr acqua

30 gr olio evo + un pò
3 rametti di rosmarino

Cuocere la zucca: tagliarla a pezzi e cuocerla con la buccia per circa 6/7 minuti alla massima potenza in microonde con un dito di acqua. Nel mentre pesare le farine, mescolarvi il sale e a parte sciogliere il lievito nell’acqua tiepida. Rimuovere la buccia dalla zucca e con l’aiuto di uno schiacciapatate schiacciare la polpa e mescolarla insieme alle farine.
Versare l’acqua sulle farine e con l’aiuto di una forchetta mescolare, fino a ottenere un composto omogeneo. Risulterà mooolto morbido.
Ungere con abbondante olio una teglia di circa 40×30 cm dai bordi alti. Versarvi il composto e con l’aiuto della forchetta creare uno strato uniforme. Coprire con pellicola e lasciare lievitare circa 2 ore.
Nel mentre versare l’olio in un pentolino, scaldare leggermente e poi mettere in infusione i rametti di rosmarino.

Preriscaldare il forno a 210°.
Aggiungere un goccio di acqua all’olio al rosmarino e un pizzico di sale in modo da creare un’emulsione. Spennellare delicatamente la superficie della focaccia, distribuirvi il rosmarino e cuocere per circa 40 minuti.

Vi consiglio di mangiarla tiepida, è la morte sua!
Quella che vi avanza tostatela leggermente prima di servirla, recupera subito la fragranza, garantito!

Focaccia croccante

Inserito il

Focaccia croccante

Le ispirazioni per questa ricetta sono state molteplici. Volevo provare a fare il famoso pane senza impasto, ma il pane mi serviva per sera e non avevo tempo abbastanza. Volevo allora fare qualcosa di croccante e goloso per accompagnare una grigliata serale. Ecco quindi che sono capitata qui e ho visto questa bellissima focaccia, rosmarino e limone! Che invenzione! La quale ricetta era una interpretazione di una ricetta di Aniceecannella.
Io le ho prese, lette, mi sono resa conto di non avere né i fiocchi di patate né lo strutto e ho deciso di farla lo stesso a modo mio.
Risultato eccezionale. La focaccia con i pomodorini lo sanno tutti che è buona, ma quella limone e rosmarino no, quindi vi invito davvero a provarla. Soprattutto se fate una grigliata, aiuta a pulire la bocca dai sapori!

Sappiate che è una focaccia bassa, ma che focaccia!!

FOCACCIA CROCCANTE

500 gr farina macinata a pietra
9 gr lievito di birra
1/2 cucchiaino di miele o malto d’orzo
10 gr di sale
25 gr olio evo
300 gr acqua circa

olio, sale
pomodorini e origano fresco
1 limone non trattato e rosmarino fresco

In una ciotola versare la farina, il sale, il miele, l’olio e il lievito. Versarvi a pioggia l’acqua e iniziare a mano a impastare. Aggiungere tanta acqua da ottenere un impasto molto morbido, un poco appiccicoso (io l’acqua l’ho usata tutta). Coprire la ciotola con una pellicola e lasciare lievitare per circa 2 ore e mezza.

Riprendere l’impasto. Ungere bene di olio un piano e le mani. Sempre con le mani stendere l’impasto in modo da ottenere un rettangolo, ripiegare il lembo sinistro verso il centro e sovrapporre il lembo destro sul sinistro (come le pieghe di una brochure diciamo). Dividere l’impasto a metà e ripetere per ciascun panetto le stesse pieghe. Formare due pagnottine, coprire e lasciare lievitare per un’altra oretta.

Preparare due teglie ben unte, su ciascuna disporvi un panetto e stendere l’impasto solo lavorandolo con i polpastrelli delle dita. Preparare un’emulsione di acqua e olio, spennellare. Lasciare riposare per mezz’ora o per un altro paio di ore (la ricetta originale prevedeva mezz’ora, ma io ho avuto un imprevisto e quindi l’ho lasciata a lievitare un altro paio di orette).
Nel mentre preparare i pomodorini. Lavarli, asciugarli, tagliarli a fettine e condirli con olio, sale e origano fresco.

Preriscaldare il forno a circa 240°.
Su una delle focacce distribuire i pomodorini con il loro succo. Infornare per circa 10/15 minuti.
Nel mentre lavare il limone e il rosmarino, asciugare bene, tagliare il limone a fette sottili, distribuire le fette sulla focaccia, distribuire il rosmarino, spolverare di sale pepe e un filo d’olio. Infornare per circa 10/15 minuti.

Note: consiglio di cuocere una focaccia per volta. I tempi so che vi sembreranno brevissimi. Io ho usato il programma pane del mio forno alla temperatura massima, e vi posso garantire che dopo 10 minuti erano già cotte entrambe: croccanti fuori e morbide e areate dentro.

#29 Cake alle verdure

Inserito il

Cake alle verdure

Profumo di primavera con questo cake, soffice, umido, saporito, che sa di verdure fresche!
Il cake salato rappresenta una buona soluzione per un pasto leggero, accompagnato da un’insalata fa piatto unico!
In questa stagione mi piace prepararlo come aperitivo se ci sono ospiti, magari in formato monoporzione!

Si tratta di una ricetta versatilissima: segnatevi la ricetta di base, in funzione a quello che avete in frigorifero fate il vostro cake personalizzato!
È così che è nato il mio: avevo delle verdurine croccanti, un buon pecorino e della fresca erba cipollina!
Provatelo: magari riuscite a far mangiare ai bimbi anche un pò di verdura!

CAKE ALLE VERDURE
1 porro
2 coste di sedano
1 zucchina grossa
2 carote
3 uova
100 ml olio di semi
100 ml di latte
100 gr pecorino stagionato grattuggiato
180 gr farina
1 bustina di lievito per torte salate
circa 30 fili di erba cipollina

Preriscaldare il forno a 190°. Foderare una teglia da cake con carta forno bagnata e strizzata.
In una padella far saltare con un goccio di olio di oliva il porro e le carote tagliate a rondelle, le zucchine e il sedano tagliati a listarelle, i pezzi devono essere piuttosto piccoli.
Nel mentre in una ciotola sbattere le uova con l’olio e il latte. Aggiungere l’erba cipollina tritata al coltello, aggiustare di sale e pepe.
Salare e pepare anche le verdure, dopo averle saltate per circa 10 minuti a fiamma viva spegnere. Versare le verdure nel composto di uova (tenere da parte 1 cucchiaiata per la decorazione), aggiungere il pecorino e la farina con il lievito. Mescolare velocemente con un cucchiaio, trasferire l’impasto nella teglia, decorare con la verdura tenuta da parte.
Infornare per circa 40 minuti. Se si scurisce troppo, durante gli ultimi 15 minuti abbassare la temperatura a 180°.

Cake alle verdure

Pizza bianca integrale con zucchine e pomodorini

Inserito il

Pizza bianca integrale con zucchine e pomodorini

Nella speranza che il tempo migliori e la primavera si faccia avanti vi propongo oggi questa gustosa pizza/focaccia per niente impegnativa.
É perfetta per una serata divano+film/partita perchè non servono coltelli e forchette, oppure da portare al posto del pane in un pic-nic domenicale ( sole+amici+picnic+pizza= 🙂 ).

L’impegno è davvero minimo, non bisogna impastare nè sporcare mille vettovaglie, l’unica cosa da tenere in considerazione sono i tempi!! Se la volete per pranzo dovete portarvi avanti la sera prima, ma se la preparate per cena basta iniziare all’orario di pranzo e i tempi sono perfetti! La ricetta è nata vedendo l’esecuzione della focaccia integrale di Gabriele Bonci, ho infatti mantenuto il rapporto farina-acqua e farina-lievito. Ho modificato le farine e ne ho fatto una pizza!

Vi consiglio davvero davvero di provarla, è super-semplice e la soddisfazione che proverete dandole un morso vi convincerà a farla di nuovo!

PIZZA BIANCA INTEGRALE CON ZUCCHINE E POMODORINI

100 gr farina 0
300 gr farina integrale
200 gr semola di grano duro
400 gr acqua
4 gr lievito di birra secco
1 cucchiaino di malto d’orzo (o miele)
1 cucchiaio raso di sale

2 zucchine, tagliate a fette per il lungo e grigliate leggermente
2 manciate di pomodorini ciliegina
q.b. formaggella morbida, pecorino morbido (o altro formaggio a piacere)
prosciutto crudo

In una ciotola miscelare le farina e il lievito. Sciogliere nell’acqua il malto d’orzo. Versare l’acqua sulle farine mescolando con un cucchiaio, fino a che non avranno assorbito tutta l’acqua. Aggiungere il sale e mescolare ancora. Versare l’impasto in una ciotola ben unta, coprire con una pellicola e lasciare  lievitare per 4 o 5 ore a temperatura ambiente.

Preparare due teglie ben unte di olio (io ho usato una tonda da 30 cm Ø e una rettangolare da 30×40 cm circa), suddividere l’impasto in misura proporzionale alle dimensioni delle teglie e adagiarvi l’impasto. Utilizzando le dite delle mani (unte di olio) stendere l’impasto su tutta la superficie della teglia. Lasciare lievitare nel vano del forno chiuso per circa 1 o 2 ore.

Togliere le teglie dal forno e preriscaldarlo a 230° .
Lavare i pomodorini e tagliarli a metà. Tagliare il formaggio a dadini. Distribuire i formaggi sulla superficie, proseguire con le zucchine e i pomodorini. Salare leggermente il tutto, versare un filo di olio e infornare nella parte bassa del forno per circa 10/15 minuti. Passato questo tempo spostare la pizza nella parte alta del forno per altri 10 minuti.
Verificare la cottura della base, se colorata sfornare.
Tagliare e servire calda con del crudo appena affettato, oppure far raffreddare, tagliare e portare con se per un pic-nic!

Note: se volete è possibile preparare l’impasto la sera prima e lasciarlo lievita tutta notte in frigorifero. La mattina dopo lo si distribuisce nelle teglie, lo si lascia lievitare e si cuoce come da indicazioni sopra!

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...