Feed RSS

Archivi tag: mirtilli

# 86 Lemon and blueberry cake with mascarpone frosting

Inserito il

lemon and bluberry cake with mascarpone frosting

Non posso definirla una torta light..nemmeno una cosuccia da preparare “così tanto per” date le dimensioni..ma ve la consiglio se avete un’occasione speciale!
Bella (a mio avviso) e pure buona (sempre secondo la mia personale opinione)..è un tipo di torta che ti spaventa dall’altezza, dai 3 strati di farcitura e dalla dimensione di ogni fetta (visto che anche se cerchi di farla piccola ti esce comunque immensa)..ma che gusti boccone dopo boccone, in un’alternarsi di soffice pan di spagna, fresco lemon curd al limone, croccante mirtillo e dolce copertura al mascarpone, e senza accorgertene arrivi ad aver pulito per bene il piatto e quasi ne vorresti ancora.

Io l’ho preparata in occasione della festa di laurea della mia amica Elena, lei che in scioltezza ha bruciato gli ultimi esami e laureandosi nella prima sessione possibile è anche riuscita a portarsi a casa la lode..se la meritava no?
Quindi i sapori sono stati scelti appositamente in base alle sue preferenze..voleva il lemon curd e l’ho accontentata!
Mi dispiace non avere una foto della sezione perchè erano usciti proprio 3 strati di farcitura perfetti!

Nei prossimi giorni vi aggiornerò con le ricette che ho pronte da tempo e vi racconterò anche cosa sono andata a fare in Belgio lo scorso weekend…

LEMON BLUEBERRY CAKE WITH MASCARPONE FROSTING

1 dose di lemon curd

per la bagna:
100 gr acqua
50 gr zucchero
succo di 1 limone

per il pan di spagna:
350 gr uova
245 gr zucchero
210 gr farina
70 gr fecola

per il frosting:
180 gr formaggio cremoso
220 gr mascarpone
400 gr panna fresca
3 cucchiai di zucchero semolato (o più, dipende dal gusto)

3/4 cestini di mirtilli
1 limone (naturale) ben lavato e spazzolato

Il giorno prima preparate il lemon curd, la bagna e il pan di spagna in modo che abbiano il tempo di riposare e raffreddare tutta la notte.

Per la bagna versare lo zucchero e l’acqua in un pentolino, scaldare fino a che raggiunge l’ebollizione e lo zucchero si scioglie, togliere dal fuoco aggiungere il limone e lasciare raffreddare.

Per il pan di spagna preriscaldare il forno a 180° ventilato.
Versare le uova in un pentolino dal fondo spesso insieme allo zucchero, posizionare su fiamma bassissima e continuando a mescolare con una frusta scaldare fino a raggiungere la temperatura di 40°. Versare nella ciotola della planetaria e iniziare a montare con la frusta. Nel frattempo preparare due teglia da 24 cm di diametro foderate con carta forno, in modo che la carta fuoriesca dal bordo.
Una volta che il composto di uova è quadruplicato setacciarvi poco per volta la farina con la fecola e incorporarle delicatamente mescolando con un cucchiaio dal basso verso l’alto.
Dividiere l’impasto nelle due teglie, cercando di separare la dose perfettamente a metà (se siete pazienti usate la bilancia).
Infornare per circa 25 minuti o fino a che uno stuzzicadenti ne uscirà asciutto.
Sfornare, lasciare riposare 10 minuti e togliere dalla teglia. Lasciar raffreddare completamente e poi conservare a temperatura ambiente avvolti in pellicola.

Per la farcitura lavare 2/3 cestini di mirtilli, asciugarli accuratamente con carta assorbente.
Lavorare direttamente sul piatto di portata, coprendo i bordi del piatto con strisce di carta forno incastrate leggermente sotto la torta, in modo che una volta finita la decorazione sfilando la carta avrete un piatto pulito.
Tagliare ogni disco di pan di spagna a metà. Disporre un disco sul piatto (con la parte tagliata verso l’alto), spennellare leggermente la bagna su tutta la superficie, distribuire circa 4 cucchiaiate di lemon curd in modo uniforme e distribuire qualche mirtillo. Spennellare leggermente con la bagna la parte tagliata dell’altra metà del disco e appoggiarla (con la parte tagliata verso il basso) sopra i mirtilli. Bagnare ancora la superficie, spalmare il lemon curd e appoggiare sopra una metà del disco di pan del spagna rimanente (con la parte tagliata verso l’alto e la base leggermente spennellata di bagna). Bagnare la superficie, distribuire il curd, distribuire i mirtilli e appoggiarvi l’ultima metà (con la parte tagliata bagnata rivolta verso il basso).
(In sostanza è come se appoggiaste una torta sopra l’altra. Avrete quindi 4 parti di pan di spagna e 3 di farcitura e solo in due si distribuiscono i mirtilli, per questioni di stabilità. Abbiate l’accortezza di bagnare ogni lato (tranne quello alla base e quello in cima), dovrete finire la bagna, renderà il dolce super soffice. Il lemon curd io non l’ho finito, me ne sono avanzati circa 4 cucchiai)
Coprire con pellicola e lasciare riposare in frigorifero per almeno un paio d’ore.

Nella ciotola della planetaria versare il formaggio con il mascarpone e lo zucchero, montare per qualche secondo con la frusta. Aggiungere la panna e montare fino a ottenere una consistenza soda ma soffice.

Estrarre il dolce dal frigo, distribuire il frosting sulla torta con l’aiuto di una spatola partendo da bordi e finendo con la superficie. Disporre al centro i mirtilli rimanenti (lavati e asciugati) e grattuggiare sulla superficie la scorza di un limone.
Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

 

Annunci

Scones integrali ai mirtilli e miele

Inserito il

 

scones integrali ai mirtilli

I dolci per la colazione rientrano tra le mie passioni. Quando ho tempo nel weekend e non sono di fretta sono disposta ad aspettare anche un’oretta prima di fare colazione. E in questo tempo impasto, sistemo e preparo una bella tavola.
Poi mi godo una colazione con i fiocchi, di quelle lente, tranquille, in cui si chiacchiera, si legge il giornale, si fanno i programmi e ci si rilassa.
In tutto ciò lo scone è il dolce ideale: veloce da fare ma anche tanto gustoso e versatile.

Lo ripeto per l’ennesima volta: se non avete mai provato uno scone non potete capire, vi consiglio davvero di inserirlo nella vostra to-do list! Dovete!!

scones integrali ai mirtilli

SCONES INTEGRALI AI MIRTILLI E MIELE

150 gr farina integrale (del Mulino Priula)
150 farina La Casereccia (del Mulino Priula)
1 cucc.no raso di lievito
1 punta di cucchiaino di bicarbonato
75 gr burro
60 gr miele (io di lavanda)
100 gr yogurt al naturale
1 uovo
1 pizzico di sale
1 cestino di mirtilli

Preriscaldare il forno a 190°.
Lavare e asciugare bene i mirtilli. Mescolare le farine con il lievito e il bicarbonato, aggiungere il burro e lavorarlo con i polpastrelli per farlo assorbire alla farina. Aggiungere il pizzico di sale e i mirtilli e mescolare.
Sbattere a parte l’uovo con il miele e lo yogurt e versarlo sul resto del composto. Impastare delicatamente fino a ottenere un impasto omogeneo, se qualche mirtillo si schiaccia non importa.
Stendere su un piano infarinato l’impasto, a un’altezza di 2 cm con un bicchiere o un coppapasta ritagliare gli scones e disporli su una teglia coperta con carta forno.
Spolverare con zucchero di canna e infornare per circa 25 minuti, o fino a che hanno assunto un bel colore dorato.

Servire caldi, accompagnati da burro e miele.

# 73 Berry galette

Inserito il

berry galette

Sabato scorso sono stata al mulino. Al Mulino Priula di Paladina per la precisione, qui nella provincia di Bergamo.
La mamma per natale aveva ricevuto le loro farine e dopo averle provate ho deciso che era ora di andare a farci un giro. E visto che qui di farina se ne usa parecchia sono tornata a casa con una decina di chili dei vari tipi.

Il Mulino Priula è un mulino giovane,  ma offre già una buona varietà di farine. Ovviamente qui si macina a pietra e dai colori, dai profumi e dal sapore delle farine si sente. Durante la mia prima visita mi sono portata a casa la Casereccia, la Semintegrale (ottenuta togliendo la parte più grossa della crusca), l’Integrale, la Semola rimacinata e la farina di mais fumetto. Ebbene si, non il fioretto, bensì il fumetto!!  Il fumetto è una farina di mais macinata finissima, ha una consistenza impalpabile, quasi quanto la farina bianca. Molto usata in pasticceria ma davvero introvabile nei supermercati.

…e visto che il fumetto l’ho trovato ho pensato bene di usarlo in una ricettina. Una super galette, una sorta di crostata/pie, senza forma, super piena di frutta!!

L’ho fatta proprio semplice, semplice una sorta di brisé senza riposo, un velo di marmellata e una cascata di mirtilli a crudo! Il vantaggio dei mirtilli è che non rilasciano acqua e anzi, hanno un alto potere gelificante.

Ne è risultata una crosta croccante e gustosa che, anche dopo 2 giorni, non ha perso la sua fragranza…e il ripieno beh, la frutta è sempre la frutta!!

berry galette

BERRY GALETTE

150 gr farina “la Casereccia” del Mulino Priula
100 gr farina di mais fumetto del Mulino Priula
90 gr burro
90 gr zucchero di canna
q.b. acqua freddissima
q.b. marmellata di more
2 cestini di mirtilli
zucchero di canna

Preriscaldare il forno a 180°.
In un mixer versare le farine, lo zucchero e il burro ben freddo. Azionare per qualche istante fino a che si ottenga una consistenza sabbiata. Aggiungere un cucchiaio di acqua (freddissima) per volta mentre il mixer è in azione fino a che la pasta stia insieme. Ovviamente questa operazione deve essere fatta nel più breve tempo possibile per non surriscaldare il burro.

Stendere con l’aiuto di un matterello la pasta su un foglio di carta forno. Posizionarla su una teglia, stendere un velo di marmellata di more ricoprire con i mirtilli lavati e asciugati, spolverare con un cucchiaio di zucchero e ripiegare i bordi sui mirtilli.
Infornare per circa 35-40 minuti.
Lasciare intiepidire e servire con una pallina di gelato.

Frullato ai frutti di bosco

Inserito il

Frullato ai frutti di bosco

Ecco un’idea carina e veloce per una colazione rinfrescante o una merenda alternativa!
Nulla di complicato o nuovo, basta avere della buona frutta fresca e matura, yogurt per dare cremosità e del ghiaccio per mantenere fresco! Ho usato dello sciroppo d’acero al posto dello zucchero per dare un sapore un pò caramellato!
Magari da sorseggiare per un brunch o una colazione tranquilla!

Buona colazione!

FRULLATO AI FRUTTI DI BOSCO

100 gr mirtilli
100 gr lamponi
250 gr fragole
200 gr yogurt al naturale
300 gr latte
4 cucchiai di sciroppo d’acero
ghiaccio a piacere

Lavare e asciugare i frutti di bosco. Versare nel boccale del frullatore la frutta, lo yogurt, il latte e lo sciroppo d’acero. Azionare fino a ottenere una consistenza cremosa.
Versare nei bicchieri, aggiungere il ghiaccio a piacere e decorare con frutti di bosco.

Frullato ai frutti di bosco

# 35 Pavlova ai frutti di bosco

Inserito il

Pavlova

La Pavlova. Impossibile che non vi siete mai imbattuti in questa ricetta. Ma se come me avete sempre fatto un pò gli “snob” di sicuro non l’avrete fatta. Non so il perchè ma questo dolce l’ho sempre guardato un pò di sottecchi. Forse ero molto consapevole del fatto che fosse una cosa iper mega stra goduriosa, ma lo negavo a me stessa. E cosa ancora più interessante è che la sua bontà è inversamente proporzionale alla difficoltà di esecuzione.

Chi non ha mai provato una meringa con la panna? E alzi la mano a chi non è piaciuta! Le meringhe così dolci e croccantine accoppiate con panna montata. Ovviamente parlo di panna fresca montata con le fruste senza aggiungere lo zucchero. Immaginate di aggiungere un pò di freschezza con una cascata di frutti di bosco. Ecco a voi la Pavlova. Non credo abbia bisogno di altre presentazioni. Forse non è un dolce tradizionale, ma da provare assolutamente.

PAVLOVA CON FRUTTI DI BOSCO

4 albumi (circa 120/130 gr)
225 gr zucchero bianco
1 cucchiaio di amido di mais
1 cucchiaino di aceto bianco (io di mele)
300 ml di panna fresca
125 gr lamponi
125 gr mirtilli
125 gr more
200 gr fragole

La sera prima preparare la meringa. Preriscaldare il forno a 170°.
Versare gli albumi nella planetaria e iniziare a montare. Aggiungere, mentre gli albumi montano, un cucchiaio per volta lo zucchero. Agli ultimi 2 cucchiai di zucchero amalgamare l’amido di mais e aggiungere. Aggiungere infine l’aceto. Su un foglio di carta forno disposto su una teglia disegnare un cerchio di circa 24 cm Ø, girare il foglio e versarvi la meringa a cucchiaiate. Distribuirla lungo tutta la superficie del cerchio, cercando di creare un bordo più alto all’esterno e una cavità al centro.
Abbassare il forno a 100° e infornare per 1 ore e 30 minuti. Spegnere il forno e lasciarla dentro per tutta la notte con lo sportello chiuso.

Il giorno dopo posizionare la meringa sul piatto di portata. Montare la panna, deve avere una consistenza ferma ma senza esagerare. Versarla nella cavità centrale e distribuire sulla superficie i frutti di bosco lavati e ben asciugati.
Tenere in frigorifero fino al momento di servire.

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...