Feed RSS

Archivi tag: sciroppo d’acero

Pancake al “nonlatticello”

Inserito il

 

La spiegazione è molto semplice.. Non ho inventato un ingrediente nuovo.. Semplicemente volevo fare dei pancake con il latticello ma non l’avevo e quindi mi sono adeguata.. Un po’ di yogurt un po’ di latte (di soia visto che manco avevo quello vaccino) e ne è uscita una meraviglia! Alti, soffici che come una spugna assorbono la salsa con cui li ricoprerete! La farina di mais gli da quella leggera croccantezza molto piacevole e il “nonlatticello” ha comunque svolto un ottimo lavoro! Io li ho servito con delle fette di pesche sciroppate (sempre home made, guardate qua) passate in padella con un po di burro e una spolverata di zucchero di canna, giusto per rinvigorirle un po’! Pancakes, pesche al burro e per concludere sciroppo d’acero a cascata.. Non c’è miglior modo per coccolarsi durante il weekend!

Per la ricetta mi sono ispirata a una versione del libro “Pane, pizza e torte” di Leila Lindholm.

PANCAKE AL “NONLATTICELLO”

1 uovo
125 gr yogurt bianco
50 gr latte
1 goccio di olio
25 gr zucchero
25 gr farina di mais
1/2 cucc.no di bicarbonato
1 pizzico di sale
80 gr farina

In una ciotola mescolare l’uovo con lo yogurt e il latte e il goccio d’olio. A parte miscelare le polveri. Con l’aiuto di una frusta incorporare i liquidi alle polveri e sbattere fino a ottenere una consistenza omogenea. Posizionare una padella su una fiamma media e preriscaldare. Quando è ben calda abbassare la fiamma leggermente, ungere con del burro e versare un paio di cucchiai di pastella per pancake (consiglio di partire cuocendo un solo pancake in modo da regolare la fiamma alla giusta intensità. Non bisogna avere fretta e alzare troppo la fiamma, altrimenti i pancake bruceranno all’esterno e saranno crudi all’interno). Quando iniziano a fare le bolle in superficie girare con l’aiuto di una spatola. Di tanto in tanto ungere la padella con del burro e proseguire fino a esaurimento dell’impasto. Servire subito con frutta fresca, composta di frutta, miele o sciroppo d’acero! I più golosi possono optare per una salsa al cioccolato! Consiglio di preparare una salsa piuttosto lenta, così da riuscire a inzuppare bene i pancake!

Annunci

Tartufi ai cereali

Inserito il

Tartufi ai cereali

Le briciole dei cereali.
A chi piacciono quelle bricioline sottili sottili che si formano sul fondo del barattolo dei cereali? In casa nostra a nessuno, anzi solo gli uccellini che passano dalla nostra casetta apprezzano.
Sono talmente piccole che vanno di traverso e ti ingozzi..e poi messi nel latte o nello yogurt fanno l’effetto pappone che proprio non tollero.
La mia sorellina negli ultimi mesi è diventata cerealomane. Quando però arrivano le briciole, apre la confezione nuova e le nasconde con i nuovi fiocchi interi. Così settimana dopo settimana ha accumulato briciole di cereali di ogni gusto, qualità e marca. Il caso vuole che io in questo ultimo periodo culinario sono molto nella fase “recupero/reinvento”  (vedi qui e qui).
Così mi sono armata di briciole, di bottoni di cioccolato fondente e ho preparato questi buonissimi tartufini ideali da accompagnare a un buon espresso amaro.

Ora facciamo a gara a finire le briciole dei cereali…

Tartufi ai cereali

TARTUFI AI CEREALI

per circa 10/12 tartufini

85 gr cioccolato fondente
1 cucchiaio di sciroppo d’acero (o miele d’acacia liquido)
circa 55 gr di briciole di cereali misti

70 gr cioccolato fondente
q.b. cacao

Sciogliere il cioccolato con lo sciroppo d’acero a bagnomaria. Quando il cioccolato è bello liscio e lucido togliere dal vapore, aggiungere i cereali e mescolare. Con l’aiuto di un cucchiaino prendere un pò di composto e lavorarlo con le mani in modo da ottenere delle palline. Porre su un vassoio coperto di carta forno e poi lasciare riposare in frigorifero fino a indurimento (circa 15/20 minuti).

Sciogliere il restante cioccolato fondente a bagnomaria. Quando è liscio togliere dal vapore, tuffare una per volta le palline, ricoprire di cioccolato e passare nel cacao. Disporre in mini-pirottini, lasciare riposare in frigorifero per altri 15/20 minuti.
Servire subito o conservare in una scatola posta in un luogo fresco.

# 56 Torta capovolta alle mele e sciroppo d’acero

Inserito il

torta capovolta di mele

Una torta semplice, di quelle che nel giro di 15 minuti sono in forno. Dal sapore di casa e di autunno.
Per allietare i pomeriggi di studio degli studenti e il rientro a casa dei lavoratori.
Da inzuppare nel latte a colazione o da scaldare appena per farla intiepidire.
Io ho messo le mele solo in superficie, ma i più golosi possono aggiungerle anche all’impasto!!

Buon inizio settimana..

TORTA CAPOVOLTA ALLE MELE E SCIROPPO D’ACERO

2 mele
3 cucchiai di sciroppo d’acero (o miele)
150 gr burro morbido
150 gr zucchero
2 uova
200 gr farina
2 cucchiaini rasi di lievito
10 cucchiai di latte
cannella e vaniglia

Preriscaldare il forno a 180°.
Con la carta forno preparare un cerchio di 20 cm Ø e foderare il fondo di una tortiera della stessa misura.
Con le fruste elettriche o la planetaria montare il burro e lo zucchero per qualche minuto. Aggiungere un uovo per volta continuando a montare. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e gli aromi, amalgamare. Aggiungere il latte e mescolare fino ad ottenere una consistenza morbida.
Lavare le mele e tagliarle a fettine sottili. Disporre le fette sul fondo della tortiera in modo che siano molto ravvicinate. Distribuire lo sciroppo sulle mele e coprire con l’impasto.
Infornare per 30/35 minuti. Fare la prova dello stecchino. Quando si è intiepidita ribaltare su un piatto di portata e togliere la carta da forno.

Note: vi domanderete perchè 10 cucchiai di latte?? non poteva misurare il latte in altro modo?? Ho fatto tutto a occhio, quindi il latte l’ho messo poco per volta, e quindi per questa volta vi dovete accontentare di questa misurazione!

Frullato ai frutti di bosco

Inserito il

Frullato ai frutti di bosco

Ecco un’idea carina e veloce per una colazione rinfrescante o una merenda alternativa!
Nulla di complicato o nuovo, basta avere della buona frutta fresca e matura, yogurt per dare cremosità e del ghiaccio per mantenere fresco! Ho usato dello sciroppo d’acero al posto dello zucchero per dare un sapore un pò caramellato!
Magari da sorseggiare per un brunch o una colazione tranquilla!

Buona colazione!

FRULLATO AI FRUTTI DI BOSCO

100 gr mirtilli
100 gr lamponi
250 gr fragole
200 gr yogurt al naturale
300 gr latte
4 cucchiai di sciroppo d’acero
ghiaccio a piacere

Lavare e asciugare i frutti di bosco. Versare nel boccale del frullatore la frutta, lo yogurt, il latte e lo sciroppo d’acero. Azionare fino a ottenere una consistenza cremosa.
Versare nei bicchieri, aggiungere il ghiaccio a piacere e decorare con frutti di bosco.

Frullato ai frutti di bosco

#20 Apple tart

Inserito il

Apple tart

Come ogni domenica c’è voglia di relax e riposo, c’è chi legge libri, chi va a passeggiare, chi vede gli amici, chi guarda un film, chi lavora a maglia e chi purtroppo anche di domenica deve lavorare o studiare!
Poi di domenica, in quanto domenica, i buoni propositi delle diete possono essere infranti, soprattutto se si fa qualcosa di semplice e che sia oggetto di condivisione con qualcuno!

Quindi se avete voglia di pasticciare per 20 minuti, questa crostata fa al caso vostro, visto che potete prepararla tra un capitolo e l’altro di un libro, tra il primo e il secondo tempo di un film, e certamente rende contenti anche coloro che fanno una pausa dallo studio o trovano una fetta di dolce rientrando dal lavoro.

La semplicità è evidente: un guscio di brisè che raccoglie delle semplici mele a fette! Se non avete il cardamomo o non vi piace fatene a meno o sostituitelo con cannella, se vi manca lo sciroppo d’acero usate del miele.

APPLE TART

Per la brisè:
200 gr farina
1 pizzico sale
70 gr burro
semini di 4 bacelli di cardamomo
30 gr di zucchero

Per la finitura:
25 gr burro
25 gr sciroppo d’acero
4 mele

Con un mortaio ridurre in polvere il cardamomo insieme a un cucchiaino di zucchero. In un mixer (o a mano in una ciotola) miscelare la farina, il sale, lo zucchero e lo zucchero al cardamomo. Aggiungere il burro ben freddo e azionare il mixer per una decina di secondi (a mano lavorare con i polpastrelli in modo da far assorbire il burro alla farina). Mentre il mixer è in funzione aggiungere 5-6 cucchiai di acqua ben fredda, o fino a che non si ottiene un composto che stia insieme (a mano aggiungere l’acqua e impastare, se dovesse essere ancora molto bricioloso aggiungere 1 cucchiaio di acqua per volta). Coprire con pellicola e lasciare riposare mezz’ora in frigorifero.

Preriscaldare il forno a 180°. Stendere la brisè in un disco e disporlo in una teglia da 23 cm Ø, lasciando un bordo di 2,5 cm circa di altezza. Bucherellare il fondo e cuocere in bianco per circa 15 minuti.
Nel mentre, in un pentolino far sciogliere il burro con lo sciroppo d’acero, portare a leggera ebollizione e spegnere.
Pelare le mele lasciandole intere, oppure lavarle se si tiene la buccia. Con un levatorsolo togliere il torsolo lasciando le mele per intero. Tagliarle a fette sottili, tenendo la lama del coltello in posizione perpendicolare rispetto al foro lasciato dal torsolo.
Sfornare il guscio di brisé, con un pennello spennellare la base con lo sciroppo d’acero, disporre le mele a strati avendo cura di spennellare ogni strato con lo sciroppo.
Infornare per 40/45 minuti. Lasciare raffreddare e sfornare.

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Vaniglia — Storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...