Feed RSS

# 73 Berry galette

Inserito il

berry galette

Sabato scorso sono stata al mulino. Al Mulino Priula di Paladina per la precisione, qui nella provincia di Bergamo.
La mamma per natale aveva ricevuto le loro farine e dopo averle provate ho deciso che era ora di andare a farci un giro. E visto che qui di farina se ne usa parecchia sono tornata a casa con una decina di chili dei vari tipi.

Il Mulino Priula è un mulino giovane,  ma offre già una buona varietà di farine. Ovviamente qui si macina a pietra e dai colori, dai profumi e dal sapore delle farine si sente. Durante la mia prima visita mi sono portata a casa la Casereccia, la Semintegrale (ottenuta togliendo la parte più grossa della crusca), l’Integrale, la Semola rimacinata e la farina di mais fumetto. Ebbene si, non il fioretto, bensì il fumetto!!  Il fumetto è una farina di mais macinata finissima, ha una consistenza impalpabile, quasi quanto la farina bianca. Molto usata in pasticceria ma davvero introvabile nei supermercati.

…e visto che il fumetto l’ho trovato ho pensato bene di usarlo in una ricettina. Una super galette, una sorta di crostata/pie, senza forma, super piena di frutta!!

L’ho fatta proprio semplice, semplice una sorta di brisé senza riposo, un velo di marmellata e una cascata di mirtilli a crudo! Il vantaggio dei mirtilli è che non rilasciano acqua e anzi, hanno un alto potere gelificante.

Ne è risultata una crosta croccante e gustosa che, anche dopo 2 giorni, non ha perso la sua fragranza…e il ripieno beh, la frutta è sempre la frutta!!

berry galette

BERRY GALETTE

150 gr farina “la Casereccia” del Mulino Priula
100 gr farina di mais fumetto del Mulino Priula
90 gr burro
90 gr zucchero di canna
q.b. acqua freddissima
q.b. marmellata di more
2 cestini di mirtilli
zucchero di canna

Preriscaldare il forno a 180°.
In un mixer versare le farine, lo zucchero e il burro ben freddo. Azionare per qualche istante fino a che si ottenga una consistenza sabbiata. Aggiungere un cucchiaio di acqua (freddissima) per volta mentre il mixer è in azione fino a che la pasta stia insieme. Ovviamente questa operazione deve essere fatta nel più breve tempo possibile per non surriscaldare il burro.

Stendere con l’aiuto di un matterello la pasta su un foglio di carta forno. Posizionarla su una teglia, stendere un velo di marmellata di more ricoprire con i mirtilli lavati e asciugati, spolverare con un cucchiaio di zucchero e ripiegare i bordi sui mirtilli.
Infornare per circa 35-40 minuti.
Lasciare intiepidire e servire con una pallina di gelato.

Annunci

»

  1. Che bella la visita al Mulino! Piacerebbe anche a me visitarne uno… La farina fumetto la conoscevo ma non l’ho mai provata…il sapore di mais è sempre molto deciso?
    Bella questa crostata rustica e casereccia, come piacciono a me…me ne andrebbe una fetta!

    Rispondi
    • Più che fare una visita sono andata a fare shopping 😉 Certo le macine erano tutte lì e le ho potute guardare, anche se al momento non stavano lavorando. Però ammetto che sono stata super soddisfatta della visita: conoscere le tipologie di farina, la provenienza della materia prima, poter toccare e annusare i prodotti ti fa davvero capire come sia importante scegliere un prodotto di qualità non massificato. Ne guadagniamo in gusto e in salute certamente!! Il fumetto si, ha il classico sapore di mais, ha solo una grana più adatta per la pasticceria!! Ammetto che era davvero gustosa!

      Rispondi
  2. mamma che buone le pie!!! io adoro la farina di mais e questa galette sono sicura mi piacerebbe un sacco…
    altra ricettina da segnare!!!
    un bacione

    Rispondi
  3. Ciao Anna!!! Non ci credo, questa torta la posso mangiare, nonostante le mie diecimila intolleranze, purchè sostituisca lo zucchero di canna col fruttosio!!! Wow, credo che la farò presto 😀 Ti dispiacerebbe se poi la pubblicassi anche nel mio blog, nel caso? Ovviamente con i dovuti rimandi e ringraziamenti a te!! 😀
    Intanto ti ho assegnato un piccolo riconoscimento qui: http://ciccipasticci.wordpress.com
    Un bacio!!! 🙂

    Rispondi
    • Che intolleranze?? Povera te, dover rinunciare a degli ingredienti in cucina è sempre difficile! Anche se ormai è possibile trovare una soluzione!! Ma certo che devi provarla e pubblicarla, il bello della rete è questo no?? scambiarsi appunti di cucina e condividerli con gli altri, e far crescere nuove amicizie culinarie virtuali!! 😉 e super grazie per il premio!! Lo accetto volentierissimo, spero di riuscire al più presto a ricambiare! 🙂

      Rispondi
      • 🙂 Grazie…per sicurezza chiedo sempre, magari trovo qualcuno particolarmente “geloso” delle proprie ricette che non le vuole vedere su blog altrui, neppure con i rimandi :-\ A me non è mai successo, ma mi è capitato di trovare casi simili su altri blog….ma io la penso proprio come te 😀 Comunque sono intollerante a zucchero, lievito, uova e maiale… è un po’ complicato ma sto riuscendo a gestirmi bene tutto sommato…ma spero di poter reintegrare presto 😦

      • Una vera sfortuna! Il miele puoi? Vedrai che appena ti fai un po’ di esperienza riuscirai anche tu a creare delle prelibatezze! Tornando al discorso di prima sono d’accordo che bisogna sempre nominare la fonte della ricetta, però mi sembra assurdo che uno decida di scrivere un blog e poi è geloso delle sue ricette, no? Meglio che scriva un ricettario personale con lucchetto allora! 😉 alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: