Feed RSS

Panini da colazione al muesli

Inserito il

Panini al muesli

Ho tante ricette pronte e sfornate nelle ultime settimane ma sempre poco tempo per raccontarvele come si meriterebbero. Gli esami (e non solo) sono alle porte e la coscienza bussa alla mia porta e mi ricorda di non perdermi troppo tra ricette, infornate e blog..perchè anche voi come me sapete che quando si entra nella spirale del “oh, guarda questa ricetta..ma che bella quest’altra..ho scoperto un nuovo blog, spiamo nel ricettario..” di tempo ne va via sempre tanto.

Quindi bando alle ciance e via dritti dritti a questi panini per la colazione..li ho pensati proprio per il risveglio dato l’uso del muesli: un pò di uvetta, frutta secca, avena e altri cereali sono l’ideale per la carica mattutina! Questi panini sono nati così su due piedi, avevo il mio Ciro (licolì per chi non lo conoscesse ancora) bello attivo e voglia di impastare. Devo dire che sono abbastanza soddisfatta!
Hanno un buon sapore e una buona struttura…io li ho mangiati spalmati di marmellata di… eh eh non posso dirvelo! Sarà la prossima ricetta, vi tengo un pò in suspense.. voi iniziate a impastare che è in arrivo una confettura!

Panini al muesli

PANINI DA COLAZIONE AL MUESLI

300 gr farina manitoba
200 gr farina integrale
100 gr di licoli (idratato al 100%)
50 gr zucchero semolato
150 gr muesli
300 gr latte di mandorla Alpro
1 pizzico di sale

Sciogliere il licolì con il latte. Nella planetaria versare le farine, il muesli, lo zucchero e il licolì con il latte. Impastare con il gancio e lavorare fino a che l’impasto non incorda. Aggiungere il sale e continuare a impastare per altri 2/3 minuti.
Coprire la ciotola della planetaria con pellicola e porre a lievitare in forno con la luce accesa e una pentola di acqua bollente posata sul fondo (piccolo trucchetto se volete panificare in minor tempo possibile). Lasciare lievitare per circa 2 ore.

Prendere l’impasto, sgonfiarlo e suddividerlo in 8 parti. Prendere ciascuna parte e ottenere dei cilindri sottili lunghi circa 20 cm (facendo scorrere l’impasto avanti e indietro sotto le dita delle mani). Con l’aiuto di un matterello schiacciare i cilindri (cercando sempre di allungarle) e ottenere così delle strisce di impasto strette e lunghe. Arrotolare ogni striscia sul lato corto cercando di fare dei giri ben stretti.
Disporre i panini su una teglia ricoperta di carta forno, appoggiarvi sopra una pellicola unta di olio e posizionare in forno con la luce accesa e l’acqua bollente sul fondo. Lasciare lievitare fino al raddoppio.

Togliere la teglia dal forno, preriscaldare a 200°.
Infornare per circa 20/25 minuti fino a che si ottiene una superficie ben dorata.

Note: ovviamente potete sostituire il latte di mandorla con latte vaccino o addirittura con acqua se li volete più leggeri!! A me sono usciti dei panini abbastanza grandi, se li volete più piccoli suddividete l’impasto in 12 parti.

Annunci

»

  1. Questi te li rubo. Se il tempo permette li preparo nel week end! FAntastici… ma ora torna a studiare, noi aspettiamo!
    Buona giornata
    Manu

    Rispondi
    • Sono simpatici con il muesli..ogni tanto trovi l’uvetta, ogni tanto qualche altra sorpresa! L’unica mia pecca è che li ho fatti grandi e quindi per la colazione sono un pò massicci (a meno di mangiarne metà), ma è un problema che puoi risolvere facilmente aumentando il numero di panini! 😉 Mi saprai dire! Buona giornata!

      Rispondi
  2. lo sai che basta che dici la parola colazione io già sono tua vero? 😉

    Rispondi
  3. ti capisco cara amica! anch’io a volte tra i tanti impegni mi ritrovo di notte a scrivere i post mentre i miei figli russano! grazie per questi squisiti panini….ottimi anche per i miei bimbi! buona serata!

    Rispondi
    • Infatti per fortuna nella scorse settimane avevo sfornato un pò..perchè ora non riesco a produrre proprio niente! Prima o poi dovrò anche ritagliarmi il tempo per venire a scoprire cosa combinate voi sui vostri blog! 😉 se no perdo tutto il bello! 🙂 buona giornata e forza..è quasi weekend! 😉

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: