Feed RSS

Archivi tag: latte di mandorla

Panini da colazione al muesli

Inserito il

Panini al muesli

Ho tante ricette pronte e sfornate nelle ultime settimane ma sempre poco tempo per raccontarvele come si meriterebbero. Gli esami (e non solo) sono alle porte e la coscienza bussa alla mia porta e mi ricorda di non perdermi troppo tra ricette, infornate e blog..perchè anche voi come me sapete che quando si entra nella spirale del “oh, guarda questa ricetta..ma che bella quest’altra..ho scoperto un nuovo blog, spiamo nel ricettario..” di tempo ne va via sempre tanto.

Quindi bando alle ciance e via dritti dritti a questi panini per la colazione..li ho pensati proprio per il risveglio dato l’uso del muesli: un pò di uvetta, frutta secca, avena e altri cereali sono l’ideale per la carica mattutina! Questi panini sono nati così su due piedi, avevo il mio Ciro (licolì per chi non lo conoscesse ancora) bello attivo e voglia di impastare. Devo dire che sono abbastanza soddisfatta!
Hanno un buon sapore e una buona struttura…io li ho mangiati spalmati di marmellata di… eh eh non posso dirvelo! Sarà la prossima ricetta, vi tengo un pò in suspense.. voi iniziate a impastare che è in arrivo una confettura!

Panini al muesli

PANINI DA COLAZIONE AL MUESLI

300 gr farina manitoba
200 gr farina integrale
100 gr di licoli (idratato al 100%)
50 gr zucchero semolato
150 gr muesli
300 gr latte di mandorla Alpro
1 pizzico di sale

Sciogliere il licolì con il latte. Nella planetaria versare le farine, il muesli, lo zucchero e il licolì con il latte. Impastare con il gancio e lavorare fino a che l’impasto non incorda. Aggiungere il sale e continuare a impastare per altri 2/3 minuti.
Coprire la ciotola della planetaria con pellicola e porre a lievitare in forno con la luce accesa e una pentola di acqua bollente posata sul fondo (piccolo trucchetto se volete panificare in minor tempo possibile). Lasciare lievitare per circa 2 ore.

Prendere l’impasto, sgonfiarlo e suddividerlo in 8 parti. Prendere ciascuna parte e ottenere dei cilindri sottili lunghi circa 20 cm (facendo scorrere l’impasto avanti e indietro sotto le dita delle mani). Con l’aiuto di un matterello schiacciare i cilindri (cercando sempre di allungarle) e ottenere così delle strisce di impasto strette e lunghe. Arrotolare ogni striscia sul lato corto cercando di fare dei giri ben stretti.
Disporre i panini su una teglia ricoperta di carta forno, appoggiarvi sopra una pellicola unta di olio e posizionare in forno con la luce accesa e l’acqua bollente sul fondo. Lasciare lievitare fino al raddoppio.

Togliere la teglia dal forno, preriscaldare a 200°.
Infornare per circa 20/25 minuti fino a che si ottiene una superficie ben dorata.

Note: ovviamente potete sostituire il latte di mandorla con latte vaccino o addirittura con acqua se li volete più leggeri!! A me sono usciti dei panini abbastanza grandi, se li volete più piccoli suddividete l’impasto in 12 parti.

Annunci

Frullato di fragole con latte di mandorla – dairy free-

Inserito il

frullato di fragola e latte di mandorla

Non è una ricetta questa in verità..solo un post per ricordarvi che i frullati sono buoni e dissetanti..e che io li preferisco nella loro versione vegan! Così oltre a essere uno spuntino squisito e fruttoso sono anche molto più light e digeribili!
Questo giro l’ho fatto con il latte di mandorla Alpro, le fragole e appena un accenno di scorza di limone!

Ps. Se ancora non vi ho convinto con questi “latti”, cosa ne dite del fatto che non essendo deperibili potete farne una bella scorta, lasciarle in cantina e averle a disposizione ogni volta che vi garba senza avere la preoccupazione del “devo andare a comprare il latte fresco”??

Buon lunedì!

frullato di fragola e latte di mandorla

FRULLATO DI FRAGOLE CON LATTE DI MANDORLE

Per 2 bicchieri

1 cestino di fragole ( da 250 gr)
2 bicchieri di latte di mandorla Alpro freddo
1 accenno di scorza di limone non trattato

Lavare e asciugare le fragole, togliere il picciolo, tagliarle a metà e versarle in un mixer (o nel bicchierone del minipimer). Versare il latte e la scorza a azionare fino a ottenere un frullato schiumoso.
Servire subito.

Frullato di pesca al profumo di mandorla – Dairy free

Inserito il

frullato di pesca e mandorla

Dopo settimane di latitanza, anzi di completa assenza ecco che rifaccio capolino nella mia cara pagina di blog. Le mie vacanze sono proprio state vacanze da tutto: dalle preoccupazioni, dallo studio, dal blog, dalla famiglia ( ;), scherzo!). Non posso dire che macinare 5500 km in due settimane, attraversando parchi, valli, deserti e grandi città sia stato di completo relax, ma le cose che ho visto, le esperienze che ho vissuto, gli amici che mi hanno accompagnato hanno giovato notevolmente alla mente e allo spirito.

Ora spero di riuscire a ingranare un pochino e ricominciare a tenervi compagnia mentre disfate i bagagli, preparate la partenza o cercate un modo per distrarvi dalla stanchezza lavorativa.
Inizio con qualcosa di semplice, che non è una ricetta di per se, ma una idea velocissima per arrivare all’orario di cena senza appesantirsi.
È un frullato semplice semplice, che combina il sapore della pesca con l’amabile latte di mandorla. Ovviamente deve piacervi il latte di mandorla, nel caso non vi piacesse per la sua eccessiva dolcezza vi consiglio di provarlo frullato con della frutta come qui, aromatizza il tutto con un sapore deciso di mandorla.

FRULLATO DI PESCA AL PROFUMO DI MANDORLA

1 pesca matura
1 bicchiere di latte di mandorla freddo

Con un mixer o il minipimer frullare la pesca (sbucciata o lavata e fatta a dadi) con il latte di mandorla. Versare in un bicchiere e sorseggiare.
A piacere aggiungere del ghiaccio o della granella di amaretto.

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

La Greg

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty'sKitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un déjeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Call me cupcake

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...