Feed RSS

Digestives

Inserito il

Digestives

I digestives mi ricordano i pomeriggi di quando ero in erasmus in Inghilterra in cui mi coccolavo (anzi ci coccolavamo io e la mia amica) con una calda tazza di Earl Grey o Chai accompagnato da infiniti digestives. Si perchè è un tipo di biscotto che non essendo nè troppo dolce, nè dal sapore troppo elaborato non smetteresti mai di mangiare.
Per me è il biscotto da tè per eccellenza.  Scrocchia sotto i denti e ha quel buon sapore di integrale con una leggera nota salata, che ti fa subito venire voglia di assaggiarne un altro.
Insomma se siete degli amanti dei digestives dovete provare a farli.

La ricetta arriva da Edda, potete vederla qui. Come sempre la ricetta è perfetta e la spiegazione completa. Le uniche modifiche che ho fatto dipendono dal fatto che non avevo il latte e il burro salato. Comunque ottima riuscita!

Digestives

DIGESTIVES

100 gr farina integrale
60 gr farina di farro integrale
60 gr fiocchi di avena
2 pizzichi di sale
3 gr lievito
60 gr zucchero di canna
90 gr burro freddo
2 cucchiai di acqua

Con l’aiuto di un mixer frullare i fiocchi di avena. Devono sbriciolarsi un poco, ma non diventare farina. Aggiungere all’avena le farine, il sale, il lievito, lo zucchero e il burro a pezzetti. Azionare per qualche istante. Aggiungere l’acqua fredda, azionare nuovamente per qualche secondo, estrarre l’impasto e lavorare a mano fino a che diventi omogeneo e stia insieme. Coprire con pellicola e lasciar riposare in frigorifero per circa 30 minuti.

Preriscaldare il forno a 180° ventilato, preparare due teglie ricoperte di carta forno.
Con l’aiuto di un matterello stendere l’impasto su un piano leggermente infarinato ad un’altezza di circa 4/5 mm. Tagliare dei cerchi con un tagliabiscotti di circa 5 cm di diametro e posizionare i biscotti sulle teglie.
Infornare per circa 15 minuti o fino a doratura.

Note: la ricetta prevedeva il burro salato, ma visto che al momento non l’avevo sotto mano ho deciso di arrangiarmi con il burro normale e un pò di sale nell’impasto.

Annunci

»

  1. Anche io adoro il blog di Edda! Penso sia il mio preferito in assoluto! E… che belli questi biscotti e bellissima foto. Mi manca giusto la farina di farro… alla prossima spesa provvedo e voglio provare a farli!

    Rispondi
    • Si Edda è davvero una certezza! I biscotti sono anche meglio di quelli inglesi 😉 forse c’è un pò tanto burro, ma ogni tanto si può fare uno strappo alla regola, no?Fammi sapere come ti vengono!

      Rispondi
  2. Anch’io anch’io facevo indigestione di Digestive ai tempi del mio Erasmus! (Io ero a Nottongham, e tu?).
    Non avevo mai pensato di rifarli, perchè da allora non li ho più mangiati e adesso sarebbero un po’ pesanti per i miei gusti…almeno quelli industriali, ma questa ricetta non lo sembra affatto! Adesso mi hai incuriosito, mi dovrò cimentare…

    Rispondi
    • “Indigestione di Digestive” mi fa ridere!Sembra uno scioglilingua! Comunque in Erasmus davano dipendenza anche perchè erano uno di quei pochi dolci che non fossero super calorici e zuccherosi!Io stavo a High Wycombe, non distante da Londra!Ammetto che anche io vedendo il rapporto burro-farine ho pensato non fossero dei biscotti ideali da mangiare tutti i giorni, ma quando mi metto in testa di fare una cosa la devo fare, così li ho provati!! Diciamo che se li prepari per un tè da condividere con le amiche ti sentirai meno in colpa! 🙂

      Rispondi
  3. Mi piacciono tanto e mi ricordano anche a me l’anno da studentessa-lavoratrice trascorso in Inghilterra tanto tempo fa!
    Questa ricetta non l’ho mai provata ma gli ingredienti li ho tutti…

    Ciao
    Silvia

    Rispondi
    • Allora appena hai un’oretta ti consiglio di prepararli!Quanto sono importanti i sapori e i profumi nei nostri ricordi..questi mi hanno davvero proiettata in un pomeriggio piovoso (strano!) nella mia stanzuccia a sorseggiare il tè!
      Un abbraccio

      Rispondi
  4. Happy memories 🙂

    Rispondi
  5. Ma lo sai che questi biscotti erano anche i miei preferiti ai tempi dell’università?:-) devo assolutamente provare a rifarli!:-)

    Rispondi
  6. Boniiiiii…assolutamente da provare! 😀

    Rispondi
  7. Pingback: English Digestive e il mistero di un nome | panelibrienuvole

  8. Pingback: English Digestive e il mistero di un nome | Food Blogger Mania

  9. Pingback: Digestives senza burro – dairy free | lemilleeunatorta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: