Feed RSS

Archivi tag: yogurt

# 77 Cake fragole e rabarbaro

Inserito il

Cake fragole rabarbaro e sambuco

Fragole e rabarbaro. Una combinazione a cui proprio non so resistere.
Parto sempre con l’intenzione di usare solo il rabarbaro ma poi a un certo punto ci casca sempre qualche fragola..

Questa volta i due ingredienti si fondono in questo cake sofficissimo allo yogurt. Ideale per la merenda e perfetto a colazione, rimane soffice, umido e profumato.
Da mangiare ancora un pò tiepido con un buon tè freddo (home made) ai frutti rossi.

Cake fragole rabarbaro e sambuco

CAKE FRAGOLE E RABARBARO

250 gr farina
125 gr zucchero di canna
12 gr lievito
250 gr yogurt
80 ml olio evo
1 uovo
500 gr rabarbaro
150 gr fragole

Preriscaldare il forno a 220°.
Pulire il rabarbaro, tagliarlo a tocchetti e disporlo su una teglia ricoperta di carta forno. Arrostire per circa 10/15 minuti, spolverare di zucchero e arrostire per ulteriori 10/15 minuti. In questi modo rilascerà l’acqua che altrimenti sarebbe finita nel cake.

Nel frattempo mescolare la farina con lo zucchero e il lievito. A parte amalgamare lo yogurt con l’olio e l’uovo. Versare i liquidi sui secchi e con l’aiuto di un cucchiaio mescolare velocemente.
Lavare le fragole e asciugarle, togliere il picciolo e tagliarle a pezzi. Tenere qualche fragola da parte e aggiungere le restanti all’impasto. Aggiungere anche il rabarbaro (sempre tenendone da parte qualche pezzo) e mescolare in modo che la frutta si distribuisca nell’impasto.
Versare il composto in una teglia da cake foderata di carta forno e infornare a 180° per circa 45/50 minuti.
Lasciare intiepidire e sfornare.

Mousse allo yogurt con gelatina di pesche

Inserito il

20140420-102248.jpg

Ritorno con la ricetta delle mezze-uova sode di Pasqua!
Forse la rispolvererete fra un anno quando sarete alla ricerca di idee allegre da servire ai vostri commensali, ma vi consiglio di segnarvi la ricetta della mousse che è davvero davvero veloce e deliziosa! Purtroppo non è di mia invenzione..nell’ambito mousse/semifreddi attingo sempre da chi è più bravo di me e questa ricetta arriva dal blog di Edda.
Ho abbinato una gelatina di pesche perchè mi serviva il colore del tuorlo..ma gli avanzi di mousse li ho serviti con una leggera salsa di fragole (fatta cuocendo fragole con zucchero e limone e frullando poi il tutto) e direi che questa combinazione vince alla grande!!

In vista dell’estate e delle prime cene di primavera tra amici questo può essere un dolce di sicuro successo!!

MOUSSE ALLO YOGURT CON GELATINA DI PESCHE

500 gr yogurt naturale
150 gr mascarpone
650 gr panna fresca
150 gr zucchero a velo
15 gr gelatina in fogli

550 gr di pesche sciroppate (1 vaso, il peso si riferisce alla frutta e allo sciroppo insieme)
12 gr di gelatina in fogli

mezze ovette di cioccolato (i gusci)

Partire con la gelatina.
Ammollare la gelatina in fogli in acqua fredda. Tenere da parte un pò di sciroppo delle pesche e frullare con il minipimer il restante sciroppo con le pesche. Quando la gelatina si è ammollata, scaldare lo sciroppo tenuto da parte, strizzare la gelatina e scioglierla nello sciroppo, versarla nel frullato. Mixare ancora qualche istante e versare metà composto in una pirofila foderata di pellicola e mettere a rassodare in frigorifero. Prendere i gusci di cioccolato e disporli su un piatto in modo che non si muovano (io ho fatto degli anelli di carta assorbente in modo che non dondolassero), versarvi una base di gelatina di pesche, coprire con pellicola e porre in frigorifero a rassodare.

Per la mousse mettere la gelatina in ammollo in acqua fredda. Mescolare con una frusta lo yogurt con il mascarpone e lo zucchero. Montare la panna fino a ottenere una spuma ben ferma. Sciogliere la gelatina strizzata in microonde e mescolarla allo yogurt. Unire i due composti delicatamente, mescolando dal basso verso l’alto. Coprire e mettere in frigorifero per qualche ora.

Prendere la gelatina. Ritagliare dalla gelatina dei cilindretti. Con l’aiuto di una sac a poche distribuire la mousse nei mezzi gusci e inserire al centro la gelatina di pesche, in modo da sembrare un uovo sodo tagliato per il lungo.

Note: questa è una mousse che va bene sempre. Quindi servitela anche in bicchieri con una semplice salsa di frutta (come da ricetta originale). In questo caso consiglio appena la mousse è pronta (prima del raffreddamento in frigorifero) di porzionarla in bicchieri o coppette e di coprirla successivamente con una salsa di frutta al posto della gelatina, frullando semplicemente frutta cotta con un pò di zucchero e limone.

# 51 Frangipane leggera con ultima frutta d’estate

Inserito il

Frangipane leggera con frutta

Alla faccia di quelli che dicevano che le albicocche non ci sarebbero più state fino a settembre. Una bella combinazione con le more di questo periodo, deliziose come non mai. Il tutto addolcito da una crema frangipane “leggera” avendo sostituito il burro con lo yogurt: ottima idea, ne vado fiera. Certo alla fine la torta non è risultata leggerissima visto che ho usato una sfoglia che avevo pronta surgelata, ma dovevo svuotare il freezer in qualche modo, no??

La foto in notturna con i lumini è veramente pessima, ma la torta non era destinata a durare fino al mattino dopo!!

FRANGIPANE LEGGERA CON FRUTTA D’ESTATE

1 dose di pasta sfoglia stesa (home made o no)
2 cucchiai di marmellata di albicocche
2 uova
1 vasetto di yogurt bianco naturale (125 gr)
50 gr zucchero
125 gr farina di mandorle
1 cestino di more
3/4 albicocche

Preriscaldare il forno a 190°.
Posizionare la sfoglia in una teglia da 20 cm Ø foderata di carta forno. Spalmare sulla sfoglia la marmellata. Mescolare con una frusta le uova con lo zucchero, aggiungere lo yogurt e la farina di mandorle. Versare sulla sfoglia. Distribuire sulla crema le more e le albicocche a spicchi, precedentemente lavate.
Infornare per circa 35/40 minuti. Quando assume un colore dorato sfornare.

Cialda croccante al cocco con lamponi e yogurt greco

Inserito il

cialda croccante al cocco, con lamponi e yogurt greco

So di non essermi più fatta vedere e anche oggi sarò di super corsa. Io ho bisogno di un’urgente vacanza dall’università, ma per il momento ancora non ne vedo una fine.

Quindi veloce descrizione di quello che è una ricetta (non ricetta) visto che l’unica cosa da pesare sono gli ingredienti della cialda!!
Vi racconto l’idea di questa coppa: la mia gentile vicina mi ha donato una bella ciotolina di lamponi del giardino. Non potevo pensare di usarli in una torta o dei muffin, dovevo mangiarli così naturali. Così visto che ultimamente mi piace assai l’abbinamento cocco e lamponi ho fatto questa cialda coccosa che li contenesse!

Se non avete tempo o la pazienza di formare le coppette con la cialda fate dei semplici biscottini da servire insieme!

CIALDA CROCCANTE AL COCCO CON LAMPONI E YOGURT GRECO

200 gr lamponi, lavati e asciugati
170 gr yogurt greco mescolato a 3 cucchiaini di sciroppo d’agave (o miele, o altro dolcificante)

40 gr albume (circa 1)
40 gr farina
40 gr burro fuso
40 gr zucchero
20 gr di cocco grattugiato

Preriscaldare il forno a 180°.
Mescolare gli ingredienti della cialda con una frusta. Su una teglia ricoperta di carta forno suddividere il composto in 4 mucchietti e con l’aiuto di un cucchiaio stenderli in maniera uniforme in modo da ottenere dei cerchi di circa 10 cm di diametro.
Cuocere per circa 10/12 minuti. Devono risultare cotti ma ancora morbidi. Appena sfornati posizionare su 4 ciotoline che siano state capovolte, e fare in modo che prendano la forma. Lasciare raffreddare.

Prendere 2 delle cialde, suddividervi i lamponi, versare lo yogurt coprire con qualche lampone tenuto da parte e spolverare di zucchero a velo. Servire subito.

Note: meno di un albume non conviene usare. Io ho usato queste dosi per 2 coppe e le altre due cialde le abbiamo sgranocchiate così. Nel caso in cui siate in più di due aumentate le dosi del ripieno.

Muffin rustici alle mele

Inserito il

muffin rustici alle mele

Non so voi ma io sono spesso alla ricerca di ricette che mi risolvano il problema degli albumi avanzati e che inesorabilmente si accumulano nel frigorifero. Va bene fare meringhe che si conservano a lungo, preparare lingue di gatto un pò troppo caloriche, preparare la meringa italiana da tenere in freezer per semifreddi futuri, però a un certo punto ho anche bisogno di riciclare in modo un pò alternativo!!

Quando sono stata a Berlino da mia sorella avevo trovato un libro di cucina molto carino, si chiama Die Step-by-Step-Küche Backen. Non è il tomo delle basi della pasticceria, e nemmeno l’opera di qualche cuoco famoso, ma è un libro che contiene diverse ricette di biscotti, pani, dolcetti, torte fotografate passo passo. Propone tante idee interessanti e vi dirò di più: dovrebbe esistere anche la versione italiana, mi è sembrato di vederla di sfuggita in un negozio. Da questo libro ho adocchiato una ricetta di muffins con i mirtilli fatta solo con albumi. Così l’ho presa, l’ho stravolta e ne sono usciti questi muffin belli rustici!!
La ricetta originaria prevede di aggiungere l’albume insieme ai liquidi, e io ho fatto così, ma con il senno di poi metterei gli albumi montati a neve, cosicché  il muffin esca più soffice.

MUFFIN RUSTICI ALLE MELE

75 gr farina di mais fioretto
225 gr farina di kamut
1 + 1/3 di cucchiaino di bicarbonato
pizzico di sale
1 cucchiaino di cannella
160 gr zucchero
4 albumi
1 cucchiai di olio di semi
100 gr ricotta
100 gr yogurt
2 mele
q.b. cannella

Preriscaldare il forno a 190°.
Dallo zucchero totale togliere 2 cucchiai e tenere da parte.
Miscelare le farine, il bicarbonato, il sale, la cannella e lo zucchero in una ciotola. A parte mescolare lo yogurt, la ricotta e l’olio. Aggiungere i liquidi alle polveri e amalgamare con un cucchiaio. Montare gli albumi a neve (non devono diventare troppo sodi) e aggiungere delicatamente all’impasto. Sbucciare le mele e tagliarle a dadi piccoli. Incorporare le mele all’impasto e distribuire il composto in 12 pirottini da muffin.
Mescolare lo zucchero tenuto da parte con cannella a piacere e distribuire sulla superficie dei muffin.
Cuocere per circa 15/20 minuti, fare la prova dello stecchino.

Note: in questo caso io non ho usato i pirottini dei muffin, ma ho ritagliato dei quadrati di carta forno e li ho usati per foderare una teglia da muffin. Se un gusto troppo rustico vi stanca sostituite la farina integrale con una farina 00.

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

La Greg

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

https://www.sweetie-home.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty'sKitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un déjeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Call me cupcake

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...