Feed RSS

Archivi tag: semi di sesamo

Soda bread

Inserito il

soda bread

Era una mattina piovosa. La sorella era a scuola, i genitori alle 12.40 sarebbero usciti dall’aeroporto, io dovevo andare a prenderli, avere il pranzo pronto per poi correre in università alle 13.45. Il frigorifero era così vuoto che si sentiva l’eco. C’erano 6 begli ovetti che la mia amica mi aveva portato delle sue galline: frittata con verdure! E poi?? Risolvo con del pane…ma non c’era nemmeno in freezer!
Così l’idea! Finalmente l’occasione per provare il pane a lievitazione istantanea: il soda bread!

In 5 minuti di orologio ho pesato gli ingredienti adattando alle mie disponibilità, impastato, formato, spennellato e infornato!
Dopo 20 minuti un aroma di pane ha iniziato a diffondersi! Veloce, efficace e versatile!
Non aspettatevi la bella pagnottona areata con la crosta croccante, però non è niente male!
Io ho usato in parte della farina di grano saraceno, il sapore era molto nocciolato, però ammetto che dopo un pò ci ha stancato. Quindi se non l’amate particolarmente sostituitela con farina bianca o integrale.
Elemento caratteristico del soda bread oltre al bicarbonato è il latticello che aiuta la lievitazione. Io non l’avevo ma avrei potuto sostituirlo con una miscela in parti uguali di latte e yogurt naturale. Ovviamente l’unico yogurt che avevo era quello dolce quindi non ho potuto usarlo, fortunatamente la panna acida mi ha salvato. Ed ha funzionato. Alla fine del soda bread della ricetta originale è rimasto solo il nome.
Da provare!

soda bread

SODA BREAD

250 gr farina di kamut integrale
150 gr farina di kamut
100 gr farina di grano saraceno
50 gr fiocchi d’avena
100 ml panna acida + 150 ml latte (o 250 ml di latticello o 125 ml latte + 125 ml di yogurt naturale)
100 ml acqua calda
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di bicarbonato di soda
semi vari (sesamo, lino, papavero, girasole…)

Preriscaldare il forno a 220°.
In una ciotola pesare le farine, l’avena, il sale, il bicarbonato e miscelare. Aggiungere i liquidi e iniziare a mescolare con una forchetta. Impastare con le mani, spostare su un piano e continuare a impastare fino a ottenere un impasto liscio.
Dare la forma di una pagnotta dal diametro di circa 20 cm. Con del latte, o olio, o albume (insomma quello che avete in giro) spennellare la pagnotta spolverare di semi misti e con un coltello affilato effettuare un taglio a croce.
Infornare per circa 30/40 minuti.

Macedonia vitaminica

Inserito il


Macedonia vitaminica

Non credete anche voi che questo continuo altalenarsi di sole-pioggia e caldo-freddo provi il nostro fisico??
Apri l’ombrello, ti inzuppi tutto, chiudi l’ombrello…esci con il piumino, spunta il sole, inizi a bollire, togli il piumino, il sole si rannuvola, ti geli.
Quindi ecco a voi una soluzione per il cambio di stagione, che dia le vitamine e le energie per non debilitarsi!

Pompelmo giallo, pompelmo rosa e arancia: frutti ricchi di fibre e vitamine A B C e flavonodi e numerosi sali minerali.
Mandorle: caratterizzate dall’alto apporto energetico contengono anche vitamine B ed E, magnesio, ferro, rame, potassio e fosforo.
Semi di sesamo: oltre a contenere numerosi sali minerali è molto ricco tra gli altri di calcio e zinco, contiene anche omega 3 e rafforza il sistema immunitario.
Miele: molto energetico è facilmente digeribile essendo composto da zuccheri semplici, ricco di enzimi, vitamine e oligoelementi.

MACEDONIA VITAMINICA

1 pompelmo giallo
1 pompelmo rosa
2 arance
2 cucchiai di semi di sesamo
30 mandorle con la pellicina
miele di lavanda

Tagliare a metà i pompelmi, con un coltello cercare di estrarre la polpa facendo scorrere la lama vicino alla buccia cercando di non bucare la scorza. Tagliare la polpa a cubi. Per le arance tagliare la base e la cima, far scorrere la lama del coltello tra la polpa e la scorza dall’alto verso il basso, seguendo la forma del frutto, tagliare la polpa a cubi. Tostare i semi di sesamo per un minuto in una pentola antiaderente. In una ciotola mescolare i tre frutti, aggiungere il sesamo (tenere da parte un cucchiaino) e le mandorle tagliate grossolanamente. Distribuire la frutta nelle ciotoline ottenute svuotando la scorza del pompelmo, distribuire il sesamo rimanente e a filo versare qualche cucchiaino di miele.

Il succo che rimane travasatelo in un bicchiere e bevetelo!

Note: la frutta è a vostro gradimento, anche i semi e la frutta secca, potete creare qualunque combinazione. Se siete di fretta potete tralasciare di pulire i pompelmi lasciando intatta la buccia, ma potete seguire lo stesso metodo di pulizia delle arance, in modo che la frutta sia pulita a vivo. Io ho usato miele di lavanda perchè dolce e crea un buon contrasto con l’amaro del pompelmo, anche il tipo di miele è a vostra discrezione.

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

La Greg

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

https://www.sweetie-home.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty'sKitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un déjeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Call me cupcake

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...