Feed RSS

Archivi tag: nocciole

Biscotti al cioccolato e cranberries – Dairy free

Inserito il

biscotti cioccolato e cranberries

Oggi vi presento una “cover”. Biscottini che avevo già realizzato ma a cui ho deciso di dare un altro gusto (l’altra versione qui!).
Questi sono dei veri e propri bis-cotti, nel senso che vengono cotti due volte. Anche se mancano completamente della parte grassa (burro o olio) rimangono gustosissimi e croccanti.
Per darvi un’idea di come sono fatti possono essere considerati cugini alla lontana (ma proprio lontana) dei cantucci, dati gli ingredienti.
Sono una buona alternativa per chi, intollerante ai latticini, a Natale non potrà gustare le prelibatezze ricche di burro, mascarpone o panna che imbandiranno le nostre tavole.

biscotti cioccolato e cranberries

BISCOTTI AL CIOCCOLATO E CRANBERRIES

100 gr farina di nocciole (o 100 gr di nocciole tritate al mixer)
160 gr farina 00
150 gr zucchero di canna
2 cucchiaini di lievito
1 pizzico di sale
2 uova
50 gr cranberries disidratati
100 gr cioccolato fondente tritato grossolanamente
1 albume

Preriscaldate il forno a 160°.
Miscelare in un mixer o sul piano da lavoro le polveri, tenendo da parte 1 cucchiaio e mezzo di zucchero. Sbattere leggermente le uova. Aggiungere le uova alle polveri e impastare fino a che non si amalgami tutto, aggiungere il cioccolato e i cranberries e incorporare. Formare un panetto stretto e lungo da disporre su una teglia foderata da carta forno (si allargherà quasi del doppio in cottura).
Infornare per 3o minuti. Sfornare, spennellare con l’albume leggermente sbattuto, cospargere con lo zucchero tenuto da parte e infornare per altri 15 minuti.
Sfornare, lasciare raffreddare per 1o minuti e poi tagliare con un coltello seghettato all’altezza che si preferisce. Disporre sulla teglia i biscotti distanziandoli e infornarli per altri 10/15 minuti fino a che risultino croccanti.

# 64 Cake salato ai fichi, nocciole e branzi

Inserito il

Cake nocciole, fichi e branzi

I cake salati, come i muffin salati, permettono di giocare sui sapori, le consistenze e permettono di spaziare in maniera incredibile sugli ingredienti. Vi va di usare qualche ingrediente in maniera un pò diversa? Fate un cake! Volete creare un accostamento agro-dolce? Fate un cake! Volete far mangiare la verdura ai vostri bimbi? Fate un cake!
Se non vi ho convinto così spero che almeno le foto vi convincano.

I cake sono perfetti per accompagnare salumi, ma anche ottimi mangiati da soli con una bella insalata.
Questo è un cake che può essere usato come accompagnamento a formaggi e salumi o da fare in monoporzione come aperitivo. Io l’ho preparato per accompagnare una vellutata di verza; una zuppa con una fetta di questo fa piatto unico.

Ho usato un bel mix di farine integrali e rispetto ai soliti cake ho voluto evitare il latte (questo non lo rende dairy free perchè poi ho messo parmigiano e branzi!). L’ideale sarebbe usare una birra, anche ambrata, ma io in assenza mi sono accontentata di un bianco fermo. A livello aromatico la birra è l’ideale.

Ora mettetevi al lavoro! Nel giro di 15 minuti l’avrete infornato e in un’ora il profumo riempirà la vostra casa!

Cake nocciole, fichi e branzi

CAKE SALATO AI FICHI, NOCCIOLE E BRANZI

100 gr farina di orzo
150 gr farina integrale di farro
1 bustina di lievito per torte salate
100 gr di parmigiano grattugiato
65 gr di nocciole tritate grossolanamente (con il coltello, no mixer!)
4 fichi secchi a dadini
150 gr di formaggio branzi a dadini
3 uova
100 ml olio evo
100 ml di vino bianco (l’ideale sarebbe la birra, ma io non ne avevo!)
q.b. di sale e pepe

Preriscaldare il forno a 190°.
Foderare uno stampo da cake con carta forno.
In una ciotola mescolare le due farine con il lievito, aggiungere il parmigiano, le nocciole e i fichi. A parte mescolare le uova con l’olio e il vino (o birra), salare e pepare. Versare i liquidi sulle polveri e mescolare il meno possibile fino a ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere il formaggio a dadini e amalgamare.
Versare l’impasto nello stampo e distribuire qualche dadino di branzi tenuto da parte.
Infornare per circa 40 minuti o fino a che uno stecchino ne esca pulito.
Servire tiepido.

# 58 Torta soffice al cioccolato e nocciole

Inserito il

torta soffice al cioccolato e nocciole

Come capiterà anche a voi, dopo una serie di torte per celebrare compleanni, lauree di amici e parenti mi sono trovata sommersa dagli albumi. Dire sommersa è riduttivo, credo di averne collezionati circa una trentina.
Visto che non si possono sempre fare le lingue di gatto, perchè quelle sono iper golose e burrose e ne mangerei in continuazione, ho deciso di consumarle preparando una torta che avevo visto da Emanuela di Paneburroealici (qui la ricetta).
Quindi detto, fatto. Rispetto alla sua versione ho deciso di mettere solo burro (anzichè burro e olio), ho usato la fecola di patate (al posto dell’amido di mais), ho usato 180 gr albumi (la ricetta prevedeva 5 albumi che in genere corrispondono a 150 gr) e ho aggiunto della farina di nocciole.

Se amate le torte soffici soffici, che si sciolgono sulla lingua ma dal sapore comunque deciso questa fa per voi. E se siete amanti della combinazione nocciole-cioccolato armatevi di fruste e iniziate a montare!!

Ah, buona permanenza a voi, io parto domani e me ne volo a Berlino dalla sorella maggiore!

TORTA SOFFICE AL CIOCCOLATO E NOCCIOLE

100 gr cioccolato fondente
70 gr burro
180 gr albumi
1 pizzico di sale
100 gr zucchero
50 gr farina
30 gr fecola di patate
50 gr farina di nocciole (o nocciole intere)
1/2 bustina di lievito

Preriscaldare il forno a 180°.
Sciogliere a microonde il cioccolato con il burro, mescolando abbastanza frequentemente. Montare gli albumi con il pizzico di sale, e quando iniziano a essere sodi aggiungere lo zucchero un cucchiaio per volta. In un mixer porre le nocciole, insieme alla farina, la fecola e il lievito. Azionare fino ad ottenere una farina abbastanza fine.
Aggiungere qualche cucchiaio di albume montato al cioccolato fuso e incorporare. Versare questo composto sulla restante parte di albumi mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Aggiungere la farina ottenuta e mescolare sempre delicatamente.
Foderare una teglia da circa 22 cm Ø con carta forno e versarvi il composto.
Infornare per circa 25 minuti.

Note: io consiglio di foderare la teglia con carta forno, io l’avevo semplicemente imburrata e infarinata, ma la parte centrale non si è staccata molto facilmente.

# 38 Chocolate krantz cake

Inserito il

Chocolate Kranz cake

Questo è perfetto per una colazione di una soleggiata domenica mattina, accompagnato da una tazzona di caffè e una coppa di yogurt con qualche fragola fresca.
Dovrete solo rinunciare a una sveglia tardiva, perchè c’è da fare la seconda lievitazione la mattina stessa. Però vi garantisco che ne vale la pena!

Questa che vi propongo è la prima ricetta dolce che testo del libro Jerusalem di Ottolenghi e Tamimi. Nessuna difficoltà o dubbio di esecuzione e il risultato penso sia azzeccato.
Due parole sul libro: eccezionale! Se siete incuriositi da questo tipo di cucina ma non sapete da che parte cominciare comprate questo libro. Le ricette sono varie, ce n’è per tutti i gusti e quelle che ho provato sino ad ora sono state tutte super apprezzate!

Buon Kranz anche a voi!

CHOCOLATE KRANZ CAKE

265 gr farina (io 150 farina 00 e 115 manitoba)
50 gr zucchero semolato
1 cucchiaino di lievito di birra secco
75 gr uova
60 ml acqua
75 gr burro
1 pizzico sale

15 gr cacao
25 gr zucchero semolato
65 gr cioccolato fondente
60 gr burro
50 gr granella di nocciola + 1 cucchiaio di zucchero semolato

La sera prima miscelare nella ciotola della planetaria le farine con lo zucchero e il lievito. Aggiungere l’acqua e l’uovo e impastare per qualche minuto. Aggiungere il burro a pezzettini con il sale e impastare fino a che il burro sia assorbito e l’impasto risulta incordato. Trasferire in una ciotola capiente unta di olio, sigillare con pellicola e lasciare una notte in frigorifero.

La mattina estrarre l’impasto dal frigorifero. Preparare la crema facendo sciogliere il cioccolato con burro e aggiungendo lo zucchero e il cacao.
Stendere l’impasto in un rettangolo di circa 38×28 cm. Spalmare la crema, spolverare la granella con lo zucchero e arrotolare sul lato lungo, facendo dei giri molto stretti. Tagliare via le estremità.

Kranz cake Kranz cake

Tagliare il cilindro così ottenuto a metà nel senso delle lunghezza, girarli in modo da avere l’apertura del ripieno verso l’alto. Intrecciare i due impasti e bloccare le estremità. Spostare la treccia così ottenuta in uno stampo da plumcake di 23 cm di lunghezza, foderato di carta forno. Posizionare in ambiente caldo a lievitare per un’ora, un’ora e mezza. Preriscaldare il forno a 190°, spennellare con latte (o uovo o panna) infornare per circa 25/30 minuti. Fare la prova dello stecchino.

Lasciare intiepidire, affettare e addentare una fetta!

Kranz cake Kranz cake

# 37 Chocolate banana tart

Inserito il

Chocolate banana tart

Forse vi sembrerà un dolce un pò invernale: banane, cioccolato, nocciole e profumo di cannella. Ma questo dolce è nato perchè dovevo soddisfare la mia voglia di dolce e di abbinare il cioccolato con la banana caramellata. E vi dirò anche che lo riproporrò quest’estate: solo il guscio è da cuocere, la ricotta dà leggerezza ed è semplicemente mescolata a della crema gianduia e la banana è resa stuzzicante dalla crosticina di caramello!
Semplice, di grande impatto e anche leggero!

Come al solito vale la regola che potete improvvisare e cambiare la ricetta a vostro piacimento, sostituendo ad esempio le banane caramellate con dei lamponi freschi.

CHOCOLATE BANANA TART

Per la brisè:
100 gr farina
50 gr zucchero di canna
50 gr burro
1 cucchiaino di cannella
q.b. acqua fredda

Per la farcitura:
150 gr ricotta vaccina
60 gr crema gianduia fondente
2 banane
q.b. zucchero di canna
q.b. nocciole

Preparare la brisè. In un mixer mescolare la farina, la cannella, lo zucchero. Aggiungere il burro e azionare per qualche istante. Aggiungere tanta acqua da far stare insieme l’impasto. Coprire con la pellicola e lasciare riposare in frigorifero per un’ora:

Preriscaldare il forno a 190°.
Suddividere l’impasto in 4. Stendere ciascuna porzione in un cerchio della misura per foderare una miniteglia da crostate da circa 10 cm Ø. Bucherellare il fondo.
Infornare per circa 30 minuti o fino a che risultino croccanti. Sfornare e lasciare raffreddare.
Per la crema scaldare leggermente al microonde la crema gianduia, aggiungerla alla ricotta e sbattere leggermente. Con una sac a poche distribuire nei gusci. Tritare grossolanamente le nocciole e tostarle in un pentolino antiaderente. All’ultimo sbucciare le banane, tagliarle a metà e poi in 3 nel senso della lunghezza (in questo modo escono 12 fette). Disporre su ciascuna tart tre spicchi di banana, spolverare di zucchero di canna e caramellare la superficie con il caramellatore. Distribuire le nocciole sulla superficie e servire.

Note: io ho fatto 4 mini crostatine, ma è possibile farne anche una unica (circa 20 cm Ø con queste dosi). Io ho usato una crema gianduia fondente fatta da me, ma una confezionata andrà benissimo, anche se è una crema gianduia al latte. Se avete una cena ma poco tempo per i preparativi questa tart è molto pratica: preparate in anticipo (anche il giorno prima) il guscio di brisè, prima di cena preparate e distribuite la crema e poco prima di servire tagliate le banane e caramellate.

Chocolate banana tart

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

La Greg

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

https://www.sweetie-home.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty'sKitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un déjeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Call me cupcake

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...