Feed RSS

Archivi categoria: Dolcetti e tortine

Muffin al caramello salato e mele

Inserito il

muffin al caramello e mele

Approfitto della pioggia degli ultimi giorni per postare una ricetta che avevo fatto qualche settimana fa e che si addice a un clima invernale e uggioso.
Vi avevo già raccontato del mio rapporto conflittuale con il caramello: non c’è nulla da fare, non riesco a gestirlo! Io e lo zucchero andiamo sempre molto d’accordo, ma non quando lo devo far arrivare a elevate temperature.
Per testardaggine ho voluto provare a fare un caramello salato, di quelli super buonissimi, burrosi da spalmare sul pane e l’idea era poi di usarlo per fare un gelato di quelli senza gelatiera (qui ne potete trovare due buoni esempi!!)…maaaa anche questa volta buco nell’acqua! Il caramello si è cristallizzato e invece di ottenere una bella crema spalmabile ho ottenuto una massa dura!! Comunque il sapore, almeno quello, era buono!

Così ho pensato, vista la presenza del burro, di scioglierlo e usarlo come parte liquida in dei muffin! Il sapore era davvero ottimo e la consistenza molto particolare: fondente, si scioglieva in bocca! Faceva quasi l’effetto di una caramella mou al contatto con la lingua. Insomma goduria allo stato puro.
Se vi trovate anche voi con un caramello “sbagliato” ecco a voi un buon modo di usarlo!

MUFFIN AL CARAMELLO SALATO E MELE

300 gr farina
1 bustina di lievito
50 gr zucchero di canna
300 gr di caramello al burro salato
50 gr latte
1 uovo
2 mele

Preriscaldare il forno a 180°.
In una ciotola miscelare la farina, il lievito e lo zucchero di canna. In microonde o a bagnomaria sciogliere leggermente il caramello insieme al latte. Aggiungerlo alle farine, aggiungere l’uovo e mescolare velocemente con un cucchiaio. Pelare e tagliare le mele a cubetti, aggiungerle all’impasto, incorporarle e suddividere l’impasto ottenuto in pirottini da muffin.
Cuocere per circa 20 minuti o fino a che uno stuzzicadenti ne uscirà pulito.

“Light” churros con cioccolata speziata

Inserito il

light churros

Non potevo perdermi questo giro con i dolci di Carnevale, assolutamente no! Chiacchiere, frittele di mela, tortelli alla crema, krapfen…e potrei continuare per parecchie righe!
Però non vado sul classico, anche perchè se devo essere proprio sincera di fritti non sono una grande esperta.
Vado di churros, ma in questa versione particolare che non è fritta ma cotta al forno. Questi bastoncini zuccherosi caratterizzati da questa crosticina croccante ma soffici all’interno. Rigorosamente da “pucciare” nella cioccolata.

Devo però avvisarvi che per light intendo solo che non sono fritti, infatti come vedrete dalla ricetta non sono davvero molto light! Io li ho voluti accompagnare da una cioccolata amara, speziata con cannella e peperoncino, anche se mi sembra di aver sentito in giro che  siano da svenimento se accompagnati dal dulce de leche. La ricetta arriva da qui, non le ho cambiato una virgola, a parte la temperatura della cottura.

Quindi regolatevi in base ai vostri sensi di colpa, se non vi preoccupano friggeteli e tuffateli nel dulce de leche, se invece vi perseguitano fateli al forno e spolverateli semplicemente di cannella.

light churros

LIGHT CHURROS CON CIOCCOLATA SPEZIATA

200 gr acqua
1 pizzico di sale
50 gr zucchero
100 gr burro
140 gr farina
1 uovo

zucchero

200 gr latte
100 gr cioccolato fondente
cannella e peperoncino in polvere

In un pentolino versare l’acqua con il sale e lo zucchero, portare a leggera ebollizione. Aggiungere il burro e quando è sciolto versarvi la farina in un colpo solo, con un cucchiaio mescolare fino a che si formi un impasto omogeneo senza grumi e quando si stacca dalle pareti togliere dal fuoco. Spostare l’impasto in una ciotola e lasciare intiepidire, mescolandolo energicamente per favorire il raffreddamento.

Preriscaldare il forno a 200°.
Aggiungere l’uovo all’impasto e incorporarlo.
Versare il composto in una sac a poche con una bocchetta dentata piuttosto ampia. Creare delle strisce di impasto da disporre su una teglia ricoperta di carta forno.
Infornare a 200° per circa 10 minuti. Abbassare la temperatura a 175° per ulteriori 18/20 minuti, fino a doratura.
Appena sfornati rotolarli in un pò di zucchero semolato, lasciare intiepidire

In un pentolino versare il latte con il cioccolato, portare a ebollizione e mescolare fino a che si ottenga una cioccolata liscia e lucida. Aromatizzare a piacere con peperoncino e cannella.
Distribuire la cioccolata in bicchierini o tazzine e servire accompagnata dai churros.

Ma’amul

Inserito il

Ma'amul

Sapete dirmi voi perchè questi mi ero scordata di pubblicarli??
Sarà che li avevo fatti nelle vacanze di Natale, tra le varie ricette devo averli dimenticati perchè non prettamente natalizi. Ma oggi arriva il loro momento, per me sono stati una rivelazione!

Si tratta di un biscotto arabo, che ho avuto il piacere di scoprire tramite il libro Jerusalem di Ottolenghi e Tamimi (piccola parentesi sul libro: incredibile, nessuna ricetta mi ha mai deluso!).
La caratteristica principale è questa sorta di sablè o shortbread fatta con il semolino e profumato con i tipici aromi arabi, che racchiude un ripieno altrettanto tipico di datteri e noci.
Forse vi sembreranno difficili, ma sono più difficili a dirsi che a farsi.
Se amate questi profumi dovete assolutamente farli!

Ma'amul

MA’AMUL

350 gr semolino
40 gr farina
40 gr zucchero
180 gr burro
1 pizzico di sale
2 cucchiai di acqua di fiori d’arancio
1 cucchiaio di acqua di rose
1 cucc.no e mezzo di acqua

per il ripieno:
225 gr noci
45 gr datteri denocciolati
45 gr zucchero
1 cucc.no di cannella
1 cucc.no e mezzo di acqua di rose
1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio

Lavorare il semolino con la farina, lo zucchero, il sale e il burro ben freddo. Impastare come se si trattasse di una frolla o una brisè, quindi molto velocemente. Aggiungere poi l’acqua di fiori d’arancio, l’acqua di rose e l’acqua. Impastare. L’impasto non risulterà compatto come una normale brisè, poichè il semolino a differenza della farina non è impalpabile, però deve stare insieme, quindi aggiungere tanta acqua al bisogno. Coprire e lasciare riposare 30 minuti.

In un mixer versare le noci, i datteri, lo zucchero e la cannella e frullare fino ad ottenere un impasto abbastanza omogeneo e fine, ma non completamente tritato. Aggiungere le acque e azionare fino a ottenere un impasto omogeneo.

Preriscaldare il forno a 210°.
Preparare una ciotola di acqua in cui inumidire le mani per lavorare l’impasto. Ricavare dall’impasto delle porzioni di circa 25 gr di peso. Modellare l’impasto in modo da formare una pallina, poi con il pollice schiacciarla in modo da ottenere uno strato sottile e lavorarlo in modo da ottenere un “contenitore” con i bordi alti. Mettervi dentro un cucchiaino di ripieno, ripiegare sopra l’impasto, dargli una forma a pallina. Posizionare su una teglia ricoperta da carta forno e schiacciare con i rebbi di una forchetta la superficie in modo da appiattirli leggermente e da ottenere un motivo a griglia. Continuare fino alla fine dell’impasto. Quando si lavora questo impasto è consigliabile sempre avere le mani piuttosto umide e lavorarlo nel palmo della mano e non su una superficie, in questo modo è più facile lavorarlo e si eviteranno delle crepe sulla superficie dei biscotti.
Infornare per circa 12-14 minuti. I biscotti devono cuocere, ma allo stesso tempo non devono colorire, devono rimanere bianchi.
Sfornare, lasciare raffreddare e servire spolverati di zucchero a velo.

Note: se non amate l’acqua ai fiori di arancio o di rose (anche se per me sono fondamentali nella ricetta) potete sostituirle con normale acqua.

# 69 Girasoli croccanti

Inserito il

crostatine croccanti girasole

Le previsioni sembrano dire che sta per arrivare un gran freddo, con neve e temperature sotto zero! E io prevedo quindi che il sole come quello dell’ultimo weekend ce lo dovremo scordare per un pò.
Ed ecco che sfornerete queste tortine, crostatine, biscottini…ripiene di croccante di semi di girasole e il sole spunterà nella vostra cucina!

I semi di girasole fanno benissimo, e convinciamoci che il benessere che otteniamo dai semi non sia vanificato dal burro, dalla panna e dallo zucchero della ricetta. Perchè dovete assolutamente provare queste delizie!

La mamma ha tirato fuori la ricetta da un libro di biscotti tedesco per bambini che si chiama Kinderleichte Weihnachtsbäckerei für kleine Leute. Era da 15 anni che non venivano sfornati in questa casa, e io mi domando: perchè abbiamo aspettato così tanto??
Se non vi piacciono i semi di girasole fate un mix di nocciole, mandorle, pinoli tritati grossolanamente. Penso che il risultato sia altrettanto sublime.

GIRASOLI CROCCANTI

Per la frolla:
300 gr farina 00
100 gr zucchero semolato
100 gr burro
1 uovo
1 pizzico di sale

Per il ripieno:
40 gr miele (io millefiori)
80 gr panna fresca
40 gr burro
80 gr zucchero
150 gr di semi di girasole

Preparare la frolla con l’aiuto di un mixer. Versare la farina, lo zucchero, il sale e il burro e azionare qualche istante. Aggiungere l’uovo, azionare fino a che non si formi una palla. Coprire con pellicola e lasciare riposare per mezz’ora in frigorifero.

Preriscaldare il forno a 200°.
Stendere la frolla a una altezza di circa 2/3 mm e ritagliare dei cerchi della misura per foderare dei pirottini di carta (misura del muffin). Bucherellare sul fondo e infornare per 5 minuti.
In un pentolino pesare il miele, lo zucchero, la panna e il burro portare a bollore e cuocere per circa 5 minuti, passato il tempo aggiungere i semi, mescolare e spegnere.
Sfornare i gusci di frolla e riempire con il caramello. Infornare per ulteriori 10/15 minuti.
Lasciare raffreddare e gustare.

Note: con queste dosi me ne sono usciti circa 25 pezzi. Non spaventatevi, non sono troppi! Anzi ne vorrete di più!!

# 68 Pastierine con ciliegie a modo mio

Inserito il

Pastierine alle ciliegie

I primi dolcetti che ho realizzato dopo la lunga assenza in cucina sono proprio state queste pastierine. Avevo voglia di qualcosa di nuovo, innovando sapori di qualche ricetta collaudatissima. Così, visto che avevo una latta di grano in dispensa e le immancabili ciliegie sotto sciroppo ho deciso di fondere questi due ingredienti.
Ne è nata una crema molto buona, ma non ricca quanto quella della pastiera originale (ricetta qui) a cui ho dato un tocco fresco con le ciliegie!

In realtà ho realizzato due ricette con la crema che ho preparato, perchè facendo le tortine monoporzione non l’ho usata tutta. Con queste dosi ho realizzato circa 20 crostatine formato muffin, con la crema avanzata invece ho fatto un cheesecake-pastiera! Ho semplicemente preparato la base con frollini al cacao frullati e burro, schiacciati sulla base di una tortiera da 16 cm Ø versato la crema, riempito di ciliegie e cotto per circa 40/45 minuti a 160°.
Altrimenti se non vi servono tanti dolci dividete le dosi per la crema a metà, oppure ancora fate una torta unica con il guscio che abbia i bordi molto alti e capienti!

Pastierine alle ciliegie

PASTIERINE CON CILIEGIE A MODO MIO

Per la frolla:
1 dose di frolla classica da questa ricetta

Per il ripieno (la dose è abbondante, andare a leggere sopra i miei accorgimenti):
420 gr di grano cotto per pastiera (1 lattina)
1 bicchiere di latte
1 noce di burro
150 gr zucchero
100 gr di ricotta ( io vaccina, ma consiglio di pecora)
2 uova
q.b. cannella
q.b. ciliegie sotto sciroppo

Preparare la frolla come da ricetta base e lasciare riposare in frigorifero per circa un’ora.
Nel mentre cuocere in un pentolino il grano con il latte e il burro, fino a che il grano abbia assorbito il latte (circa 15/20 minuti). Travasare in una ciotola e fare raffreddare.

Preriscaldare il forno a 180°.
Stendere la frolla con l’aiuto di un matterello allo spessore di 2/3 mm. Ritagliare dei cerchi di misura tale che foderino gli stampini della teglia da muffin. Bucherellare il fondo, infornare e cuocere in bianco per circa 8/10 minuti.

Al grano aggiungere lo zucchero, la ricotta, le uova e amalgamare. Aggiungere la cannella secondo il proprio gusto.
Sfornare le tartellette, suddividere la crema nei gusci, distribuire le ciliegie sgocciolate e infornare per altri 15/20 minuti, fino a che la frolla sia dorata e la crema sia ferma.
Lasciare intepidire, sformare e servire spolverate di zucchero a velo.

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

La Greg

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

https://www.sweetie-home.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty'sKitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un déjeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Call me cupcake

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...