Feed RSS

Archivi categoria: Muffin

Muffin alla panna con gocce di cioccolato

Inserito il

Muffin panna e cioccolato

La tranquillità accumulata durante le vacanze è già svanita come lontano ricordo dopo nemmeno 4 giorni. Non mi sto lamentando eh, perché non mi alzo alle 5 per andare a spezzarmi la schiena con qualche lavoro massacrante, ma la ripresa è stata dura anche per me.
Oggi non ve la farò lunga visto che vi immagino tutti con i vostri pensieri per la testa, ma vi invito solo a svagarvi un attimo per preparare questi dolcetti. Vi prometto che dal momento in cui appoggerete la ciotola sulla bilancia a quello in cui avrete infornato i muffins saranno trascorsi 15 minuti massimo.
Quindi datevi da fare, che la colazione home-made vi aiuterà a partire con il piede giusto la giornata. E visto che si avvicina la domenica perchè non prepararne un pò per la settimana??

La panna è risultata l’ingrediente magico. Di muffins ne ho fatti tanti, ma la consistenza di questi mi è piaciuta assai. Densa ma non stopposa e il sapore gustoso ma non troppo ricco. Insomma, da quello che doveva essere il recupero di un ingrediente (il barattolino di panna in scadenza) ho trovato il trucco per un muffin davvero ottimo.

MUFFIN ALLA PANNA CON GOCCE DI CIOCCOLATO

300 gr farina
1 bustina di lievito
120 gr zucchero semolato
2 uova
50 gr olio di semi (mais)
250 gr panna fresca
essenza di vaniglia
150 gr cioccolato fondente, tritato grossolanamente

Preriscaldare il forno a 180°. Foderare una teglia da muffin con 12 pirottini.
In una ciotola miscelare farina, zucchero e lievito. A parte amalgamare la panna con l’olio e le uova. Versare i liquidi sulle polveri e con un cucchiaio di legno mescolare. (Vale la solita regola dei muffin, meno si mescola meglio è, se l’impasto vi sembra grumoso non preoccupatevi, così deve essere.) Aggiungere la vaniglia e il cioccolato, incorporare.
Suddividere l’impasto nei pirottini e cuocere per circa 20/25 minuti.

Note: io ho usato una teglia di muffin più piccini, quindi me ne sono usciti 12 piccoli e 6 normali.

Muffin panna e cioccolato

Muffin alla barbabietola – Dairy free

Inserito il

Muffin di barbabietolaOggi ho imparato una cosa nuova. Vi ricorderete che già mi è capitato di nominare la melassa e usarla nelle mie ricette. Una sorta di sciroppo denso molto caramellato. Sto parlando dello Zuckerrüben Sirup; udite udite, di melassa non si tratta ma di sciroppo di barbabietola. Vi domanderete perchè di questo errore (tra l’altro ho scoperto che è un errore molto comune). Tanti prodotti che usiamo in casa arrivano dalla Germania, dopo 5 anni vissuti là mamma non è più riuscita a fare a meno di alcuni ingredienti (e ora anche io non riesco più a farne a meno!) e fortunatamente possiamo mantenere la nostra dispensa sempre ben rifornita perchè spesso andiamo oltralpe. Io l’ho sempre chiamata melassa per abitudine, ma oggi spinta dalla curiosità sono andata a cercare informazioni a riguardo e ho risolto il mistero!
E la cosa ancora più buffa è che ho risolto l’arcano il giorno in cui faccio i muffin alla barbabietola rossa dolcificati con sciroppo di barbabietola. Trattandosi di sciroppo estratto per evaporazione dal succo di barbabietola rossa è un dolcificante che, rispetto al comune zucchero, contiene meno calorie e ha un maggiore apporto vitaminico e minerale, come anche il miele o altri tipi di sciroppi naturali (quali quello di acero o di agave). Insomma da preferire al candido zucchero semolato, quando si può.

Ora passiamo alla ricetta, se no non finisco più di parlare.
La barbabietola rossa non mi piace molto, nè liscia, nè condita, nè in insalata. Ma i cari genitori con la sorella piccola se ne sono partiti per una lunga vacanza in Salento e mi hanno lasciato con una confezione quasi intera di barbabietole rosse già arrostite. Complice il ritorno della sorella maggiore da Berlino (la quale è intollerante ai latticini) ho pensato di farle trovare un dolcetto casalingo, sperando che la polpa della barbabietola donasse quella ricchezza che i latticini sono soliti dare.
Magia, la barbabietola funziona eccome: il sapore non si sente, la pasta è uscita talmente morbida che si scioglie sulla lingua e a dirla tutta sembrano dei muffin alla nocciola!
Immensamente felice della scoperta vi lascio la ricetta. Ho pensato di dare un pò di croccantezza aggiungendo dei semini con l’avena, potete ometterli, oppure potete aggiungere anche delle gocce di cioccolato fondente all’impasto, che potrebbero stare molto bene.
Se provate a farli sostituendo lo sciroppo di barbabietola con lo zucchero di canna fatemi sapere come escono!!

MUFFIN ALLA BARBABIETOLA ROSSA

250 gr farina
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di cannella
1 pizzico di sale
circa 3 barbabietole già arrostite (tagliate e cubetti riempiono un bicchiere)
100 gr olio di semi di mais
2 uova
100 gr sciroppo di barbabietola, miele, sciroppo d’acero, sciroppo d’agave o zucchero di canna liquido (io ho usato la melassa, ma credo funzioni anche il resto, la prossima volta li testo anche con lo zucchero di canna)

2 cucchiai di semi di girasole
2 cucchiai di fiocchi d’avena
2 cucchiai di zucchero di canna

Preriscaldare il forno a 180°.
In un mixer frullare la barbabietola, aggiungere l’olio e frullare in modo da ottenere una purea abbastanza liscia. Aggiungere le uova e la melassa. A parte mescolare la farina con le polveri. Versarvi sopra i liquidi e mescolare il meno possibile con un cucchiaio.
In una padellina antiaderente tostare i semi con l’avena, dopo qualche minuto (muoverli in continuazione o brucieranno) aggiungere lo zucchero.  Appena inizia a caramellare e ha formare una sorta di granola spegnere. Distribuire il composto in 10 pirottini disposti in una teglia da muffin.
Distribuire sulla superficie la granola, infornare per circa 20 minuti. Fare la prova dello stecchino.

Muffin di barbabietola

Muffin rustici alle mele

Inserito il

muffin rustici alle mele

Non so voi ma io sono spesso alla ricerca di ricette che mi risolvano il problema degli albumi avanzati e che inesorabilmente si accumulano nel frigorifero. Va bene fare meringhe che si conservano a lungo, preparare lingue di gatto un pò troppo caloriche, preparare la meringa italiana da tenere in freezer per semifreddi futuri, però a un certo punto ho anche bisogno di riciclare in modo un pò alternativo!!

Quando sono stata a Berlino da mia sorella avevo trovato un libro di cucina molto carino, si chiama Die Step-by-Step-Küche Backen. Non è il tomo delle basi della pasticceria, e nemmeno l’opera di qualche cuoco famoso, ma è un libro che contiene diverse ricette di biscotti, pani, dolcetti, torte fotografate passo passo. Propone tante idee interessanti e vi dirò di più: dovrebbe esistere anche la versione italiana, mi è sembrato di vederla di sfuggita in un negozio. Da questo libro ho adocchiato una ricetta di muffins con i mirtilli fatta solo con albumi. Così l’ho presa, l’ho stravolta e ne sono usciti questi muffin belli rustici!!
La ricetta originaria prevede di aggiungere l’albume insieme ai liquidi, e io ho fatto così, ma con il senno di poi metterei gli albumi montati a neve, cosicché  il muffin esca più soffice.

MUFFIN RUSTICI ALLE MELE

75 gr farina di mais fioretto
225 gr farina di kamut
1 + 1/3 di cucchiaino di bicarbonato
pizzico di sale
1 cucchiaino di cannella
160 gr zucchero
4 albumi
1 cucchiai di olio di semi
100 gr ricotta
100 gr yogurt
2 mele
q.b. cannella

Preriscaldare il forno a 190°.
Dallo zucchero totale togliere 2 cucchiai e tenere da parte.
Miscelare le farine, il bicarbonato, il sale, la cannella e lo zucchero in una ciotola. A parte mescolare lo yogurt, la ricotta e l’olio. Aggiungere i liquidi alle polveri e amalgamare con un cucchiaio. Montare gli albumi a neve (non devono diventare troppo sodi) e aggiungere delicatamente all’impasto. Sbucciare le mele e tagliarle a dadi piccoli. Incorporare le mele all’impasto e distribuire il composto in 12 pirottini da muffin.
Mescolare lo zucchero tenuto da parte con cannella a piacere e distribuire sulla superficie dei muffin.
Cuocere per circa 15/20 minuti, fare la prova dello stecchino.

Note: in questo caso io non ho usato i pirottini dei muffin, ma ho ritagliato dei quadrati di carta forno e li ho usati per foderare una teglia da muffin. Se un gusto troppo rustico vi stanca sostituite la farina integrale con una farina 00.

Muffin lampone e rosa

Inserito il

Muffin rosa e lampone

La temperatura inizia piano a piano ad alzarsi, la luce va via sempre più tardi e oggi è il primo Marzo!
Pensare che siamo già a Marzo mi fa sorridere, mi fa pensare al caldo, alla primavera, alla frutta buona! Certo, prima che arrivi la vera primavera devono ancora passare 20 giorni, ma uscire da Febbraio mi fa stare meglio. Anche se è mese il più corto mi sembra sempre il più freddo, il più grigio…

Quindi questi muffin, dai profumi primaverili sono perfetti per iniziare il nuovo mese con la carica giusta! La rosa e il lampone sono due dei sapori che sempre mi danno quel senso di stupore, mi piacciono troppo!

Ovviamente se non siete muniti di sciroppo di rosa non preoccupatevi, usate solo acqua o latte o uno sciroppo a scelta. Lo stesso vale per i lamponi! Ma se ne avete l’occasione provate questa combinazione, merita!

MUFFIN LAMPONE E ROSA

2 uova
70 gr zucchero
70 gr burro
220 farina
1/2 bustina di lievito (8 gr)
100 gr sciroppo di rosa
50 gr acqua
200 gr lamponi (freschi o surgelati)

Preriscaldare il forno a 180° e foderare una teglia da muffin con i pirottini di carta.
Sciogliere il burro e lasciare a raffreddare. Montare le uova con lo zucchero, fino a che non sbianchino. Aggiungere la farina setacciata con il lievito, il burro e mescolare. Aggiungere poi lo sciroppo con l’acqua. Se il composto dovesse sembrare troppo asciutto aggiungere ancora acqua. Mescolando con un cucchiaio di legno aggiungere i lamponi, cercando di non romperli.
Distribuire il composto in 10 stampini e infornare per 15/20 minuti, o fino a che uno stecchino non ne esca pulito.
Una volta raffreddati spolverarli di zucchero a velo.

Muffin al marzapane

Inserito il

Muffin al marzapane

Il nostro forno, ultimamente, è diventato una macchina sforna-muffin per la sorellina che si è abituata a mangiare solo quelli per colazione.
Certamente i muffin si prestano per questo compito, visto che se conservati bene mantengono la loro morbidezza e fragranza anche per un pò di giorni. Non metto in dubbio che un muffin appena sfornato sia tutto un’altra cosa, ma come si può pretendere di riuscire a sfornare un solo muffin tutte le mattine per le 6.30??
Ringrazio quindi le scatole di latta che fanno il loro dovere egregiamente.

In dispensa c’era dell’ottimo marzapane e visto che da tempo pensavo di usarlo ma non sapevo bene dove ho deciso di costruire la ricetta partendo da questo ingrediente! La sfida è stata ardua visto che alla sorella il marzapane non piace, ma utilizzato così non spicca ma dona un ottimo aroma di mandorla. (Avete capito bene, le piace la mandorla ma non il marzapane! Avreste dovuto vedere la sua faccia quando le ho detto l’ingrediente segreto dopo che se ne era appena spazzolati due!)

La farina gialla per dare un pò di croccantezza e rusticità, i cranberries per dare l’energia per affrontare la giornata!

MUFFIN AL MARZAPANE

150 gr farina
100 gr farina di mais (tipo fioretto)
50 gr zucchero
1 bustina di lievito
150 gr marzapane
2 uova
50 ml olio di mais
120 ml succo di ciliegie (o spremuta d’arancia, o latte)
75 gr cranberries
mandorle filettate

Preriscaldare il forno a 180°.
In una ciotola mescolare le farine con lo zucchero, il lievito e i cranberries. In un mixer inserire il marzapane a pezzi e frullare brevemente. Aggiungere un uovo per volta continuando a frullare, in modo da far uscire un composto omogeneo. Aggiungere l’olio e il succo e frullare. Versare il composto liquido sulle polveri e mescolare con un cucchiaio fino a che si amalgamino gli ingredienti. Distribuire il composto in 12 pirottini, scorpargere di mandorle filettate e infornare per circa 20 minuti. Fare la prova dello stecchino.

Note: ho usato il succo di ciliegie perché l’avevo e come aroma si combinava bene agli ingredienti. Si può sostituire con qualsiasi liquido. Nel caso usiate un succo molto dolce riducete lo zucchero.

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

Con Un Poco Di Zucchero

Food Blog since 2008

La Greg

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

https://www.sweetie-home.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty'sKitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un déjeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Call me cupcake

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...