Feed RSS

# 91 Ciambella allo yogurt greco e sciroppo d’uva

Inserito il

Ciambella allo yogurt greco e sciroppo d'uva

Come tante ricette anche questa ha la sua storia. Questa volta si parte da un ingrediente: l’uva americana.
Una mia amica era venuta a trovarmi per un caffè e qualche ciacola, lei è una tipa che non riesce mai ad arrivare a mani vuote e si è presentata con dei bei grappoloni di uva profumata delle viti di sua zia. Poi la battuta: “…magari riesci a usarla in qualche dolce!” e già qui avrete capito come è andata a finire.
Il mio primo pensiero è stata la schiacciata all’uva, ma poi un libro mi ha chiamata e non ho potuto sottrarmi alla sua insistenza. Da maggio campeggia sulla mia mensola Stagioni di Donna Hay. Molto spesso lo prendo lo sfoglio, casco nelle immagini e nelle atmosfere, ma ogni volta o mi manca questo o mi manca quello e lo ripongo sullo scaffale. Ma insieme all’uva è arrivato il giorno in cui sperimentare la prima ricetta di questo fantastico libro!

Rispetto all’originale ho ridotto le dosi, aggiunto il lievito e trasformato uno sciroppo di frutto della passione in sciroppo d’uva!
La consistenza di questo dolce è molto particolare, compatto ma allo stesso tempo molto interessante! Io vi consiglio di fare una dose doppia di sciroppo in modo che metà la usate per impregnare la ciambella e metà la usate da versare direttamente su ogni singola fetta!

TORTA ALLO YOGURT GRECO CON SCIROPPO D’UVA

100 gr burro morbido
140 gr zucchero
vaniglia (estratto o bacca)
2 uova
180 gr yogurt greco
200 gr farina
1/2 bustina di lievito

200 gr di succo d’uva (ottenuto passando al passaverdure gli acini lavati e asciugati)
100 gr acqua
75 gr zucchero

Preriscaldare il forno a 160° e imburrare e infarinare uno stampo a ciambella.
Montare con le fruste il burro morbido e lo zucchero, aggiungere la vaniglia e continuare a montare fino a che non risulti spumoso. Aggiungere un uovo per volta, sempre sbattendo e poi aggiungere lo yogurt. Aggiungere la farina setacciata con il lievito e incorporare delicatamente con un cucchiaio.
Versare l’impasto nello stampo e livellare.
Infornare e cuocere per circa 35/40 minuti o fino a che uno stecchino non ne uscirà pulito.

Nel frattempo mescolare il succo, l’acque e lo zucchero in un pentolino e porre sul fuoco. Portare a leggera ebollizione e far cuocere per circa 10 minuti. Spegnere e tenere da parte.

Una volta cotto il dolce sfornarlo, lasciare riposare 5 minuti e poi togliere dallo stampo. Praticare qualche foro sulla superficie con uno stuzzicadenti e spennellare poco per volta con lo sciroppo d’uva fino a che non verrà utilizzato tutto.

Annunci

»

  1. Buona!!!… autunnale, profumata! …anche io oggi sto cucinando dolcezze con l’uva! ….ispira!!

    Rispondi
  2. Che bella e chissà che buona, posso averne una fett…ona!!!
    ciao Anna, buon week end

    Rispondi
  3. waaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!! mamma mia! l’uva americana!!!! pensa che qst estate papà ha dovuto eliminare la vite perchè malatissima 😦 sob sob neanche un chicco 😦 che goduria ragazza mia!

    Rispondi
    • oh, mi dispiace! Penso sia un trauma dover eliminare piante che da sempre hanno fatto parte del proprio orto/frutteto! Soprattutto perchè si deve rinunciare alla bontà della raccolta! Sono sicura che troverai qualcuno che te ne donerà un grappolone da gustare acino per acino! 😉 buona giornata, un bacione!

      Rispondi
  4. Buona!! Io l’uva americana non l’ho mai assaggiata…magari con l’uva fragola… 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: