Feed RSS

Gelato malaga a modo mio

Inserito il

gelato malaga

In vista del weekend e di qualche cena tra amici vi lascio la ricetta della mia ultima versione di gelato senza gelatiera che vi permette di ottenere un gelato cremosissimo mescolando semplicemente pochi ingredienti.. il trucco sta nell’aggiungere alla panna il latte condensato e una piccolissima dose di alcolico in modo da abbassare il punto di congelamento del composto e avere sempre una consistenza soffice, mai ghiacciata!

Ho preparato il gusto malaga perchè la nonna ci aveva regalato dell’uvetta sotto grappa ed ero curiosa di usarla in qualche preparazione. Il sapore (e la presenza della grappa) forse non è adatto per dei piccoli assaggiatori, ma sono sicura che incontra il gusto di molti adulti!
La regola è semplice, quindi sbizzarritevi a creare il gusto che più vi piace!

gelato malaga

GELATO MALAGA A MODO MIO

250 gr panna fresca
170 gr latte condensato
2 cucchiai di uvetta alla grappa
2 cucchiai di grappa (dell’uvetta ammollata)
3 cucchiai di pinoli tostati leggermente in padella

Un paio di ore prima di preparare il gelato tostare i pinoli e porre il latte condensato in frigorifero.

Nella ciotola della planetaria versare la panna con il latte condensato montare fino a ottenere una spuma soffice e soda. Aggiungere l’uvetta, la grappa e i pinoli e mescolare delicatamente. Versare in un contenitore ermetico o in uno stampo foderato, coprire e lasciar riposare in congelatore per almeno 6 ore.
Togliere dal freezer e servire subito.

Annunci

»

  1. Devo assolutamente provare! Non ho mai fatto il gelato in casa e non avendo la gelatiera, pensavo di non poterlo fare, ma sto trovando tutte queste ricette interessanti, come la tua e mi sono decisa.
    Su altre ricette leggevo che bisogna mescolare di tanto in tanto il gelato, dopo un certo riposo nel freezer. Nella tua cos’è che permette di non farlo? Il fatto che ci sia molta panna?
    Grazie mille,
    a presto!

    Rispondi
    • Io non ho mai avuto bisogno di mescolarlo durante la preparazione, e come lo togli dal freezer è pronto per essere servito! Il trucco sta nell’uso del latte condensato che ha un alto livello di zucchero (lo zucchero non congela e quindi quando è presente in alta percentuale in un composto abbassa la temperatura di congelamento del composto stesso e quindi non ghiaccia completamente) ed è anche aiutato dalla componente alcolica (pensa ai liquori o ai superalcolici, non ghiacciano mai anche se li lasci oltre 24 ore in freezer)! Quindi con questi 2 ingredienti aggiunti alla panna riesci a ottenere un egregissimo gelato cremoso! La cremosita’ è anche data dal fatto che montando la panna il composto incorpora aria e non risulta così denso come se non si montasse! Ora voglio fare dei nuovi esperimenti sostituendo parte del latte condensato con del miele, che essendo altrettanto zuccherino dovrebbe abbassare il punto di congelamento! Ti aggiornerò sui risultati! Comunque prova tu stessa questa soluzione e mi saprai dire!! Avevo già fatto altre due versioni di questo gelato, quindi se vuoi prendere ispirazione dai una sbirciata! 😉 buon weekend!

      Rispondi
  2. una coppetta per me! ti prego….

    Rispondi
  3. prima di tutto ti devo dire che adoro la nonna!
    poi anche che devo provare qst tecnica per il gelato senza gelatiera che lo mantiene cremoso! qst’anno che sto amando i gelati come non mai non posso farmelo scappare!!!!

    Rispondi
  4. Da provare questa versione senza gelatiera e con il latte condensato che amo tanto! 🙂
    Baci

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: