Feed RSS

Pagnotta al kamut – LML

Inserito il

Pagnotta al kamut

Eccomi, sono tornata!
Sono un pò assente perchè sono in fase di arrivo, in termini di esami universitari, e mai nessun esame mi è pesato come questi ultimi due. Sto diventando terribilmente ansiosa e nervosa tanto che non mi prendo nemmeno il tempo per uscire e andare a fare una passeggiata o fare il pane. Le mie giornate sono scandite semplicemente dalle brevi pause caffè che mi concedo tra un esercizio/teorema e l’altro.
Non so se sono io il caso anomalo ma sto somatizzando tantissimo la paura di non riuscire a fare gli ultimi esami (che poi sono pure materie che mi piacciono) ma non perchè ho paura di non passarli, ma perchè non mi permettano di sostenerli.
Strana eh la ragazza?? Beh, mi sto stupendo pure io, sono sempre stata una molto controllata ma ultimamente senza gocce per dormire non dormo, senza gocce (queste naturali) della concentrazione mi sembra di non riuscire a studiare..poi ho quel costante senso di pesantezza che sento in testa che non è d’aiuto.
Bah, speriamo passi..intanto oggi ho tirato fuori il mio Ciro che chissà se impastando un pò mi si distendono i nervi.

Cercherò di passare con più costanza, almeno adesso che ho appena fatto un esame e il prossimo è fra qualche settimana, riportandovi le ricette che ho fatto prima di cadere in questo “umore da studio”..e parto con una bella pagnotta di sola farina di kamut integrale.
Non ci sono strani passaggi questa volta, è piuttosto semplice, bisogna solo rispettare le tempistiche.
Sulla struttura del pane con farina di kamut integrale devo lavorarci ancora un po’, però la mollica era comunque areata e soffice e aiutandomi da una lunga lievitazione la pagnotta aveva un sapore davvero ottimo.

Preparatevi che il prossimo pane che vi mostrerò è davvero speciale e un pò particolare..

Pagnotta al kamut

Per rendere più facile la gestione dei tempi vi ho messo la scaletta oraria che ho seguito io. Aggiustatela in funzione dei vostri impegni! E ricordate che se allungate i riposi dell’impasto (nella prima e seconda fase, non della lievitazione prima dell’inforno) ne guadagnerete in gusto!

PAGNOTTA AL KAMUT

75 gr di lievito madre (idratato al 100%) già rinfrescato
100 gr acqua
100 gr farina di kamut integrale

250 gr acqua
400 gr farina di kamut integrale
1 cucc.no di sale

Ore 13:00
Sciogliere il lievito nell’acqua (100 gr), aggiungere la farina (100 gr), mescolare energicamente, coprire con pellicola e lasciare a temperatura ambiente per circa 4/5 ore.

Ore 17:30
Fare una fontana con la restante farina, sciogliere il poolish nell’acqua, versarlo sulla farina e impastare. Dopo aver incorporato tutta l’acqua e aver ottenuto un impasto omogeneo aggiungere il sale e continuare a impastare.
Fare due serie di pieghe a tre, girando di mezzo giro tra una piega e l’altra, posizionare in una ciotola, sigillare con pellicola e lasciare lievitare altre 2 ore.

Ore 20:00
Riprendere l’impasto, sgonfiarlo, lavorarlo brevemente e fare ancora due serie di pieghe a tre, coprire e lasciare riposare 10/12 ore in frigorifero.

Ore 7:00
Estrarre l’impasto e lasciare a temperatura ambente per almeno un’ora.

Ore 8:30
Impastare brevemente, fare una serie di pieghe al centro, capovolgere l’impasto con le pieghe sotto, dargli una forma arrotondata e posizionare in un telo infarinato posto in uno scolapasta. Spolverare di farina e ripiegare i lembi del telo in modo che non passi l’aria. Lasciare lievitare a temperatura ambiente per circa 3-4 ore.

Ore 12:00
Preriscaldare il forno a 250° posizionando la teglia su cui cuocere la pagnotta nel forno.
Ore 12:30
Togliere la teglia dal forno, appoggiarvi un foglio di carta forno e ribaltare sulla teglia la pagnotta: in questo modo le pieghe dovrebbero ora ritrovarsi sopra.
Infornare per circa 15 minuti, poi abbassare a 22o° e continuare a cuocere per ulteriori 25/30 minuti.
Il pane è cotto quando picchiando sul fondo fa TOC.
Lasciar raffreddare su una gratella prima di tagliare.

Annunci

»

  1. pagnotta splendida! brava!

    Rispondi
  2. Wow…guarda tu cosa sei riuscita a fare!!! Bacioni

    Rispondi
  3. Cara Anna, per me non sei affatto strana! Più ci si avvicina alla meta e più si ha paura di non arrivare e anche io ricordo che temevo eventi assurdi e imprecisati che non mi consentissero di fare l’esame…al limite saremo strane in due! 🙂
    Sai che non ho mai provato la farina di kamut? Non so nemmeno che sapore abbia…la devo provare!
    Un abbraccio e buono studio…coraggio! 🙂

    Rispondi
    • oh, mi consolo! Uno arriva alla fine di 5 anni di esami e pensa di avere ormai la situazione in pugno e invece si trova costretto a fare i conti con la sua paura e insicurezza di non farcela! Mai provato il kamut?? A me piace mescolarlo alla farina 0 quando faccio l’impasto della pizza. Come consistenza mi ricorda molto la semola e ha un sapore tutto suo! oppure lo uso anche quando faccio piadine o crackers, secondo me dà il meglio di sè in queste formule, anche se è comunque buonissimo usato anche per fare il pane! 🙂
      Ora ritorno ad abbassare la testa sui libri!:(
      buona giornata!
      Bacii

      Rispondi
  4. uh come ti capisco! non ti dico io quanto ci ho messo a fare gli ultimi 3 esami! poi ovviamente mi ero lasciata alla fine quelli che mi pesavano di più e così… ansie a non finire, ma alla fine ce l’ho fatta! 🙂
    E in tutto ciò cucinare mi ha sempre aiutato tantissimo! mi immagino impastare! che scarica pure! 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: