Feed RSS

Sandwich focaccia

Inserito il

Sandwich focaccia

Se ho del buon pane, o meglio ancora una focaccia fatta in casa e degli ingredientini sfiziosi mi piace ogni tanto farmi un bel panino. E così quando ho sfornato questa focaccia ho pensato bene che con del pecorino semistagionato e i pomodorini secchi sottolio della mamma avrei potuto farmi un bel sandwich.
L’ideale sarebbe mangiarlo in terrazza o in un bel prato, ma forse (anche se sembra che il sola si sia convinto ad uscire) fa ancora un pò fresco per tirare fuori i cestini dei pic-nic.
Optando per un panino si risparmia tempo per la preparazione del pranzo e lo si può dedicare al proprio passatempo preferito: lettura, cucito, giardinaggio, passeggiate e tutto quello che vi piace fare.

Io la mia focaccia l’ho farcita semplicemente con del pecorino semistagionato sardo, dei pomodorini secchi sott’olio con capperi e l’ho tostato per qualche minuto, ma ci si può sbizzarrire con gli abbinamenti!! Verdure grigliate e mozzarella; speck, trevisano e robiola; carciofini, prosciutto cotto affumicato e scamorza; salmone, creme-fraiche e erbette…insomma fatevi un sandwich.

Vi lascio la ricetta della focaccia che poi è diventata la protagonista del mio sandwich.

FOCACCIA CON SEMOLA

400 gr farina La Casereccia (Mulino Priula)
300 gr semola rimacinata
1 cucchiaio di sale
1 cucchiaio di malto d’orzo o miele
9 gr lievito di birra
q.b. acqua

olio, sale e erbe miste

Mescolare le farina e versarle nella ciotola della planetaria. Sciogliere il lievito in circa 300 gr acqua tiepida insieme al malto, versarla sulle farine e impastare. Aggiungere ancora dell’acqua, poca per volta fino a ottenere un impasto elastico ma appiccicoso. Dopo aver impastato almeno 5-6 minuti e l’impasto si è incordato aggiungere il sale e proseguire a impastare.

Creare una palla, posizionarla in una ciotola (va bene quella usata per l’impasto) unta di olio e coprire con della pellicola. Lasciare lievitare un paio d’ore.

Preparare una teglia di circa 40×30 cm unta con abbondante olio. Ribaltarvi sopra l’impasto e solo con l’uso dei polpastrelli delle mani schiacciare l’impasto in modo da stenderlo fino a ricoprire tutta la superficie della teglia. Creare su tutta la focaccia con la pressione dei polpastrelli i tipici buchi della focaccia, spennellare d’olio e mettere in forno a lievitare con la luce accesa.

Togliere la focaccia dal forno e preriscaldarlo a 220°.
Andare in giardino o in terrazza e raccogliere un mix di erbe: rosmarino, salvia, origano… Lavarle, asciugarle e togliere le foglioline dallo stelo. In una ciotolina creare un’emulsione di acqua, olio, sale e aggiungere le erbe. Appena prima di infornare spennellare la superficie con l’emulsione e distribuire le erbe sulla superficie.
Infornare per circa 25-30 minuti. La focaccia deve essere ben dorata sopra e croccante alle base.

Lasciare intiepidire, tagliare a triangoli e farcire a piacere.

Annunci

»

  1. foodlovecouture

    Il panino focaccia è ancora più goloso, morbido e saporito. Poi lo farcisci come vuoi…ottimo!

    Rispondi
  2. Adoro questo tipo di focacce! Stupenda!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: