Feed RSS

Pane senza impasto integrale al cumino

Inserito il

no knead bread al cumino

Penso che questo pane lo avrete già visto ovunque, ma se non lo avete ancora provato sono qui per convincervi!
Non bisogna avere un’impastatrice, non bisogna avere tanta pazienza, non ci vuole nemmeno molta forza nelle braccia. Basta solo che vi organizziate per tempo.
Sfornerete un pane con pochissimo lievito, super soffice e aerato, con una crosta bella croccante.

Io sono stata convinta da Elena, che lo ha fatto di tutti i gusti: speziato con miele, al peperoncino e ai ceci e miele. Io mi sono limitata a farlo integrale con farina di farro e con cumino, per richiamare un pò il sapore dei pani dell’Alto-Adige.
Ma spero di riuscire presto a fare nuovi esperimenti..intanto buon pane a tutti!

no knead bread al cumino

PANE SENZA IMPASTO INTEGRALE AL CUMINO

300 gr farina 0
200 gr farina di farro integrale
12 gr sale
370 gr acqua tiepida
3 gr lievito di birra
1 cucchiaio di miele
3 cucchiai di semi di cumino

La sera prima mescolare in una capiente (mooolto capiente) ciotola le farina. Creare una fontana, distribuire il sale sui bordi. Sciogliere nell’acqua il lievito e il miele. Versare l’acqua sulla farina e amalgamare con l’aiuto di una forchetta, non lavorare l’impasto.  Coprire la ciotola con una pellicola, fare dei buchi nella pellicola e lasciare a temperatura ambiente per tutta la notte (12 ore).

La mattina preparare una canovaccio (bianco e pulito) su un piano, spolverarlo con della semola e rovesciarci l’impasto. Stenderlo leggermente con le mani, distribuire una cucchiaiata di semi di cumino e fare una piega a libro. Girare l’impasto di 1/4 di giro stenderlo leggermente con le mani, aggiungere un cucchiaio di cumino e fare ancora la piega a libro e ripetere il procedimento una terza volta. Girare l’impasto in modo da avere le pieghe sotto, lasciare lievitare  avvolto nel canovaccio infarinato per altre 2 ore.

Preriscaldare il forno a 250° e mettere in forno una pentola di ghisa (o una teglia) che abbia il coperchio. Quando il forno ha raggiunto la temperatura togliere la pentola, ribaltare dentro il pane in modo che le pieghe siano in alto, coprire con il coperchio e infornare per circa 50 minuti. Trascorso questo tempo controllare il colore della crosta: se già bella scura proseguire la cottura per altri 5/10 minuti con il coperchio, altrimenti proseguire la cottura senza coperchio.

Lasciare intiepidire e tagliare.

Annunci

»

  1. Lo conosco di fama da anni ma non l’ho mai provato ma nel vedere i risultati tupi e di Elena sono invogliatissima! 😉
    Complimenti

    Rispondi
  2. Sì, effettivamente l’ho visto in molti blog ma non mi sono mai decisa a provare…ho ancora bisogno di tempo, non mi sento pronta!

    Rispondi
  3. tesoro!!! 🙂 che bello sapere di averti convinta! vedendo i tuoi risultati perfettissimi e bellissimi sono ancor più felice!!1 E che buon sapore deve avere: farro e cumino! mmmmm! felice felice felice! 😀 bacioni

    Rispondi
  4. molto bello il tuo blog, brava!

    Rispondi
  5. l’ho visto ma non mi sono ancora convinta a farlo…
    stasera ho tradito per la prima volta il mio lievito madre ed ora prima di farlo di nuovo devo aspettare un pochino…però prima o poi arriverà anche il mio esperimento!
    il tuo deve avere un profumino….
    bacioni

    Rispondi
    • beh Elena è una garanzia, lo sai anche tu! So che tu sei un’esperta di pane, ma questo ha il suo perchè soprattutto se non hai voglia di impastare! Devo svelarti un segreto, ho ricevuto anche io il lievito madre!! ora me lo curo, lo faccio crescere e poi inizio a testarlo! Ti dirò! e verrò a studiare le tue ricette!! che emozioneeee! 😉

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: