Feed RSS

Pere sciroppate al vino e spezie

Inserito il

pesche sciroppate e speziate al vino

Sto iniziando a rendermi conto che mi piace da matti invasare. Trasformare la frutta fresca che in poco deperisce in un prodotto che duri un anno intero.
Mi dà grandissima soddisfazione alla fine della preparazione poter disporre questi barattoloni sui ripiani della dispensa e sapere che ogni qual volta io abbia voglia di pesche o pere o altro possa soddisfare il desiderio!

Visto che anche l’anno scorso, ancora prima di aprire il blog, ad agosto mi ero dedicata alla pera sciroppata, ho voluto bissare  variando un pò i sapori. Pensando all’autunno e ai suoi profumi non potevo non pensare alle pere al vino rosso, che già da sole possono risolvervi il dolce o sono un bel dono per ringraziare di un invito.
Io avevo circa 4 kg di perine coscia, la metà le ho fatte al naturale, con un semplice sciroppo di acqua zucchero e vaniglia, le altre le ho fatte secondo le dosi qui sotto.
Per quelle al naturale calcolate circa 300 gr zucchero e 600 gr di acqua, per il procedimento seguite le indicazioni date sotto.

PERE SCIROPPATE AL VINO E SPEZIE

2 kg di perine coscia, mature ma sode
200 gr zucchero
300 gr di vino rosso passito (io ho usato un veronese)
8 chiodi di garofano
1 stecca di cannella

In una pentola portare a ebollizione lo zucchero con 400 ml di acqua creando così uno sciroppo. Quando lo zucchero si è sciolto spegnere.
Pelare le pere, eliminare il picciolo, tagliarle a metà e con un coltellino rimuovere la parte centrale dei semini. Preparare 4 vasoni con l’apertura abbastanza grande ben lavati e asciugati. Disporre le pere cercando di metterne per ogni vaso il maggior numero possibile. Inserire in ogni vaso 2 chiodi di garofano e un pezzo di cannella.
Aggiungere allo sciroppo il vino e mescolare. Con l’aiuto di un mestolo riempire i barattoli quasi fino all’orlo.
Chiudere molto bene i vasi con i relativi tappi.
Disporre i vasi in una pentola capiente e dai bordi alti avvolti in panni di cotone. Ricoprire completamente i barattoli di acqua fredda e accendere la fiamma. Da quando l’acqua inizia a bollire calcolare circa 30/35 minuti. Spegnere la fiamma e lasciare raffreddare i barattoli nell’acqua di sterilizzazione.
Verificare che tutti i vasi abbiano fatto il sottovuoto, eventualmente procedere con un’ulteriore sterilizzazione oppure conservare in frigorifero e consumare nel giro di qualche giorno.

pesche sciroppate e speziate al vino

Annunci

»

  1. brava la mia “invasata” ! 😀

    Rispondi
  2. vedo marmellate e conserve ovunque! solo io quest’anno sono stata poco formichina..però è vero che le pere si troveranno per un bel po’ pertanto sono ancora in tempo per provare la tua ricettina che mi ispira un bel po’!!!

    ciao
    Silvia

    Rispondi
    • Io ovunque mi giro vedo frutta/verdura da invasare..mi sa che inizio a esagerare! Purtroppo bisogna avere tempo per questo tipo di preparazioni, per pulire tutta quella frutta! Con le pere hai tutto il tempo di recuperare, si entra in stagione! Invece io con l’inizio dell’uni devo iniziare a fare i conti con il poco tempo! e quindi i grandi progetti sono da accantonare! 😉 a presto!

      Rispondi
  3. Che delizia la frutta sotto vino/grappa!

    Rispondi
    • Io ho riscoperto la frutta sciroppata l’anno scorso, ma quella fatta in casa! Perché alla fine, non è frutta fresca ovviamente, ma il sapore non ne risente così tanto e consola nei momenti di sconforto! Con un buon vino e delle spezie poi! 😉

      Rispondi
  4. Pingback: # 55 Crostata frangipane al cioccolato e pere – Dairy free | lemilleeunatorta

  5. Pingback: Invasare conserve, marmellate e co. | lemilleeunatorta

  6. Pingback: Limoni in salamoia | lemilleeunatorta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: