Feed RSS

# 49 Brioche all’olio evo e cioccolato

Inserito il

Biroche all'olio evo e cioccolato

Con oggi rientro definitivamente nell’attività bloggesca. Dopo l’apparizione di lunedì scorso speravo di riuscire a passare di nuovo a trovarvi ma cause di forza maggiore mi hanno tenuta incollata al forno e alla planetaria, potendomi concedere solo pause per mangiare e dormire. Con il prossimo post vi farò vedere qualche foto dell’impresa. Dai, vi faccio un piccolo accenno: mi sono occupata della torta e del buffet di dolci per il matrimonio di mia cugina. Un’impresa impegnativa ma ben ripagata dalla felicità degli sposini.

Torniamo a noi e al perché di questo lievitato. Diciamo che con l’inizio di settembre, la ripresa del lavoro, l’inizio di scuola e delle attività sportive, insomma l’inizio di tutto sono sempre alla ricerca di qualche prelibatezza che aiuti l’umore ad affrontare la giornata con il giusto spirito.
La risposta a questo bisogno l’ho trovata nel cioccolato fondente spalmato all’interno di spirali di pan brioche! Energia pura, sofficità e pochi grassi visto che ho utilizzato l’olio extravergine d’oliva.
Ammetto che ho usato una crema gianduia fondente già pronta che avevo preparato lo scorso inverno e volevo fare fuori, ma potete benissimo farcire il pan brioche con della marmellata, del miele, della crema pasticciera, una salsa al cioccolato o del burro lavorato con zucchero e cannella per i più golosi!

La ricetta è molto semplice, poche regole e come al solito spazio alla vostra fantasia!

Brioche all'olio evo e cioccolato

BRIOCHE ALL’OLIO EVO E CIOCCOLATO

12 gr lievito di birra
300 gr acqua
400 gr farina manitoba
200 gr farina rimacinata a pietra
50 gr olio evo
1 uovo
2 cucchiai di zucchero di canna

circa 250 gr di crema gianduia fondente (o marmellata, o miele…)
1 o 2 manciate di pistacchi o nocciole
1 cucchiaio di zucchero di canna

Sciogliere il lievito nell’acqua con lo zucchero. Versare nella planetaria le farine, l’olio e l’uovo. Aggiungere l’acqua con il lievito e lo zucchero. Azionare la planetaria con il gancio e lavorare per circa 5 minuti. Formare una palla, disporre in una ciotola e coprire con una pellicola. Lasciare lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio del volume.
Prendere in mano l’impasto su un piano infarinato, stendere con l’aiuto di un matterello fino a formare un rettangolo di circa 20×40 cm. Spalmare sulla superficie la crema gianduia ammorbidita a bagnomaria, distribuire qualche pistacchio leggermente tritato e arrotolare sul lato lungo del rettangolo. Oliare una teglia con il bordo amovibile. Tagliare il “salame” ottenuto in circa 8/9 fette e disporle leggermente distanziate con la spirale rivolta verso l’alto. Coprire e lasciare lievitare per un’oretta.
Preriscaldare il forno a 190°.
Distribuire sulla superficie qualche pistacchio tritato e una cucchiaiata di zucchero di canna.
Infornare per circa 30/40 minuti.

Annunci

»

  1. piacere allo stato puro! vorrei farle prima o poi anche io queste briochine…ho ferma da un bel sulla scrivania la ricetta di quelle con la cannella però con il cioccolato devono essere spaziali!!!
    complimenti…

    ciao
    Silvia

    Rispondi
    • dici bene, soprattutto a colazione con una bella tazzona di caffelatte!! Con il cioccolato è molto buona, però ammetto che ho un debole per quelle alla cannella, mi ricordano tanto i paesi nordici!e poi se fosse per me la cannella la userei anche per condirci una pasta! 😉
      Grazie!
      A presto

      Rispondi
  2. aspetto le foto e intanto mi godo la tua brioche da urlo!

    Rispondi
  3. Molto buona!!!! L’ho assaggiata anch’io ed è stata una colazione fantastica!!!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: