Feed RSS

Panini di segale con verdure

Inserito il

Panini di segale e verdure

Il pane. Presenza obbligatoria su ogni tavola italiana. E anche sulla nostra non manca. Tranne quando non riusciamo a farlo o a comprarne di buono. Il pane o è fatto bene, la lievitazione è curata, le farine sono di qualità, la cottura è precisa oppure si rischia di dover mangiare qualcosa di gommoso, la cui digestione risulta difficoltosa.

Mi piacerebbe tanto tanto provare a fare il mio lievito madre, per fare il pane un pò come si deve. Ma un pò mi manca il coraggio, un pò non voglio cimentarmici perchè so che il mio tempo lo passerei a studiare tutto sull’argomento, e in questo momento non è il caso visto che gli esami di luglio incombono.

Così mi accontento di panificare con il caro vecchio lievito di birra, magari cercando di ridurlo al minimo e allungo i tempi di lievitazione. La cara Elena di conunpocodizucchero spesso ci propone dei pani da milleeunanotte! Ovviamente con l’utilizzo del lievito madre. Ma per fortuna mia poco fa ha preparato delle deliziose pagnottelle con farina di segale e lievito di birra.
Non ho fatto passare molto tempo e le ho rifatte anche io, arricchendole però con verdure arrostite.
La ricetta è pari all’originale, che trovate qui . Ho solo sostituito il malto con del miele perchè il mio bel barattolo di malto d’orzo è finito recentemente per terra (immaginatevi a pulire che appiccicaticcio!!). E ho aggiunto le verdure prima dell’ultima lievitazione.

PANINI DI SEGALE ALLE VERDURE

160 gr farina di segale
200 gr farina manitoba
100 gr semola di grano duro
60 gr farina di kamut integrale
360 gr acqua tiepida
10 gr lievito di birra
1 cucchiaino zucchero di canna
1 cucchiaino miele
1 + 1/2 cucchiaino sale

2 zucchine
2 cipollotti
15 olive
olio, sale, aromi misti

Sciogliere il lievito nell’acqua leggermente tiepida, insieme allo zucchero e al miele. Versare le farine nella ciotola della planetaria, versarvi sopra l’acqua e iniziare a impastare a bassa velocità con il gancio per una decina di minuti. Aggiungere il sale, impastare qualche minuto, coprire con la pellicola e lasciare riposare circa 30 minuti.

Riprendere l’impasto, su un piano leggermente infarinato lavorare a mano per qualche minuto, creare una pagnotta, rimettere nella ciotola della planetaria oliata, coprire con pellicola e lasciare lievitare per 3 ore a circa 25°.

Nel frattempo preriscaldare il forno a 240°. Lavare le zucchine, tagliarle a dadini. Pulire i cipollotti, tagliarli a dadi della stessa misura delle zucchine. Tritare le olive grossolanamente. Preparare una teglia coperta di carta forno, distribuirvi le verdure in modo che non siano ammassate, aggiungere delle erbette tritate (origano fresco, timo, menta..) oliare, salare e mescolare. Infornare per circa 25 minuti. Lasciare raffreddare.

Riprendere l’impasto, fare le pieghe, aggiungere le verdure e incorporarle delicatamente. Dividere l’impasto in circa 15 pezzi, formare dei panini o delle ciabattine allungate, lavorando su una superficie ricoperta di semola.  Disporre i panini distanziati su delle teglie ricoperte di carta forno, lasciare lievitare per circa 1 ora, 1 ora e mezza.

Preriscaldare il forno a 200°. Infornare le teglie e cuocere per i primi 10 minuti con una teglia piena d’acqua bollente appoggiata sul fondo, togliere la teglia d’acqua e continuare a cuocere per circa altri 20 minuti.
Sfornare quando picchiando sul fondo dei panini si senta un toc.

Panini di segale e verdure

Annunci

»

  1. Bellissimo comunque il risultato anche senza lievito madre…ma vedrai che quando sarai pronta a fare il grande salto,non tornerai più indietro.
    A presto!

    Rispondi
  2. ma ma ma ma ….. ma sono io???? oddio che emozione!!!! ma sei gentilissima!!!
    che risutlato meraviglioso il tuo! con la farina di kamut e le verdure devono essere deliziosi! che idea!!! qst me la rifaccio io però! 😉
    posso?
    un bacio grande!!!!!

    Rispondi
    • ma certo che sei tu!te l’avevo detto che quei panini li avrei fatti, e non esiterò nemmeno a farli anche senza verdure!Sono usciti proprio gustosi con quella crosta che piace a me!
      un abbraccio! 🙂

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: