Feed RSS

#30 Torta semplice alle fragole e un premio…

Inserito il

Torta semplice di fragole

Doppio contenuto in questo post! Prima una ricetta realizzata per una mia amica intollerante ai latticini e al lievito, poi vi racconto del premio che ho ricevuto!

La difficoltà nel preparare un dolce senza latticini nè lievito sta nel riuscire a renderlo gustoso e non stopposo.
Ho pensato che la frutta potesse venire in mio soccorso. Se si sfruttano le potenzialità della frutta di stagione si possono ottenere ottimi risultati: colore, sapore, dolcezza con la frutta li otterrete in un attimo!

Ecco quindi un pan di spagna basso, farcito con una composta di fragole e una raggiera di fragole fresche.
Ovviamente i più fortunati (e golosi come me!) sopra alla loro fetta hanno fatto scivolare una cucchiaiata di panna appena montata, inutile dirvi quale fosse la versione migliore. Panna sia!

TORTA SEMPLICE ALLE FRAGOLE

Pan di spagna:
100 gr zucchero
2 uova + 2 tuorli
90 gr farina
20 gr fecola

Composta:
350 gr fragole (peso non pulito)
100 gr zucchero
una spruzzata di limone

500 gr fragole
panna fresca da montare

Preriscaldare il forno a 180°.
In planetaria montare le uova con lo zucchero a lungo, per circa 10 minuti. Setacciare sul composto di uova la farina e la fecola, incorporare mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Versare in una tortiera da crostata e infornare per circa 15/20 minuti.
Sfornare e lasciare raffreddare.
Lavare le fragole per la composta, togliere il picciolo e tagliarle a dadini. Versarle in una casseruola con il limone e lo zucchero e farle cuocere per una ventina di minuti circa.
Sformare il pan di spagna e disporlo sul piatto di portata. Versarvi la composta e spalmarla sulla superficie.
Lavare le fragole, asciugarle, togliere il picciolo e tagliarle a metà. Disporre a raggiera partendo dall’esterno.
Mantenere al fresco fino al momento di servire. Montare la panna e accompagnarla alla torta.

liebster-award

Già da inizio mese avevo ricevuto questo premio, ma solo ora riesco a ringraziare e premiare a mia volta chi se lo merita.
Questo premio oltre a rappresentare un apprezzamento per il lavoro di molti blogger vuole anche essere un trampolino di lancio per quelli che come me (anche se non mi posso definire una blogger vera e proprio) sono ancora piccoli e poco conosciuti.

Voglio quindi ringraziare le ragazze de Il marito perfetto per il loro continuo sostegno e apprezzamento, grazie!!

Queste le regole:

Vengono nominati tutti quei blog con un numero di follower inferiore ai 200 e una volta ottenuta la nomination si deve pubblicare un nuovo post seguendo 6 differenti fasi:

1: Ringraziare i blog che ti hanno nominato e assegnato il premio;

2: Rispondere alle undici domande richieste dal blog(er) che ti ha nominato/a;

3: Scrivere 11 cose che parlano di te;

4: Premiare a tua volta 11 blog con meno di 200 follower;

5: Formulare le tue 11 domande per il/la BLOGGER che nominerai;

6: Informare i blogger del premio assegnato.

◊ ◊ ◊

1: Ringraziamenti fatti!

2: Le risposte alle domande 

  1. In meno 3 secondi rispondi: la cosa più importante della tua vita? Mangiare?? 😉

  2. Quanto conta il tuo blog per te? E’ una buona palestra per confrontarmi e essere stimolata, per la mia passione quindi molto!

  3. Se le persone che ti sono vicine non supportano il progetto del tuo blog, te…? Io lo porto avanti comunque!

  4. E’ tutto Nero/bianco o grigio? Mmmm, dipende!

  5. Quali sono i colori dell’amore? Tutti, basta che siano belli intensi.

  6. In casa l’amore regna in… (cucina, camera, studio…)? Cucina, decisamente, dove esprimermi mi esce con più facilità.

  7. Quanto conta la vita di coppia nella tua vita? Molto

  8. Qual è il tuo motto? Visto che mi piace ridere direi: “Ridi che la vita ti sorride”

  9. La parte del tuo corpo che più preferisci? Non saprei, posso dire che apprezzo la mia manualità, quindi le mie mani!

  10. Il tuo genere di musica preferito? Di tutto un pò, deve trascinarmi!

  11. Meglio un uovo oggi o una gallina domani? Forse una gallina domani, che poi mi dia un uovo ogni giorno!

3: 11 cose che parlano di me, non sono troppe?? 

  1. Il cibo sta diventando una fissazione.
  2. La primavera è la mia stagione preferita
  3. Cucinare è soprattutto un modo per unire le persone
  4. Non ho ancora capito la mia strada: fare la pasticciera o applicare i miei studi in Economia??
  5. Adoro sfornare biscotti e sentire il loro profumo che rimane intrappolato nei capelli
  6. Ancora non so qual’è il mio dolce preferito
  7. Appena posso compro un libro di cucina nuovo
  8. 9.  10.  11….non so più come descrivermi!

4: Io premio (anche se non so se rispetterò il limite di follower e il limite degli 11)

5: Le 11 domande a cui dovrete rispondere.

  1. Dolce o salato?
  2. Colazione a casa o al bar?
  3. Testare ricette nuove o ripetere ricette collaudate?
  4. Musica mentre si cucina o silenzio assoluto?
  5. Ultimo libro di cucina comprato:
  6. Non potreste stare senza: forno o fornello?
  7. Burro o olio?
  8. Sapori invernali o sapori estivi?
  9. Torta di nonna papera o torta di Buddy (boss delle torte)?
  10. Espresso o moka?
  11. Un ingrediente di cui non potete fare e meno:

6: Informare i blogger premiati!

Annunci

»

  1. cara “amica di cucina” 🙂 sono strafelice e ritiro il tuo regalo!!! Grazie per avermi premiata 🙂

    Rispondi
  2. Pingback: #32 Crumble di fragole e rabarbaro e un altro premio | lemilleeunatorta

  3. Anche se ho già ricevuto questo premio numerose volte e partecipato al gioco, ci tengo comunque a ringraziarti per aver pensato a me!

    Rispondi
    • Ah, bellissima questa torta! Hai visto che su Sale e Pepe di questo mese ci sono numerose ricette con il rabarbaro? Io non l’ho mai mangiato nè cucinato, ma sembra che si sposi perfettamente con le fragole!

      Rispondi
      • No, non lo sapevo! Andrò a comprarlo. Comunque se ti capita di trovarlo dal fruttivendolo prendilo e usalo insieme alle fragole, da una spinta in più! Per crostate o marmellate, oppure puoi usarlo anche da solo! In Inghilterra si usa molto anche liscio, sempre cotto però!
        A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: