Feed RSS

#21 Osterzopf

Inserito il

Osterzopf

Secondo appuntamento con le ricette pasquali. Oggi si vola in Germania e si impasta questo dolce pane!
L’Osterzopf rappresenta uno dei tipici dolci pasquali non solo tedeschi ma anche austriaci. Nel periodo pasquale se ne possono trovare in panetteria e al supermercato di ogni forme e gusti; ma le migliori versioni rimangono quelle preparate dalle nonne e dalle mamme tedesche.
Essenzialmente si tratta di un panbrioche glassato, a forma di treccia che viene consumato a colazione, merenda o dopocena magari accompagnato da una salsa alla vaniglia.

In Germania Pasqua è attesa con trepidazione da tutti i bambini, perchè nella notte tra Sabato e Domenica passa nelle case o nei giardini il coniglietto pasquale che nasconde qua e là uova decorate. I bimbi appena svegli si divertono a cercarli e fanno a gara a chi ne riesce a trovare di più. E quale migliore ricompensa per la caccia alle uova se non una bella fetta di Osterzopf  per colazione?

Questa ricetta arriva da un libro di ricette bavaresi, ho fatto una piccola modifica per quanto riguarda la quantità di lievito (secondo me troppo) e i tempi di lievitazione. Altra modifica l’ho apportata alle mandorle: servivano sfilettate, ma quando me ne sono accorta ero già all’opera e non ne avevo, allora ho usato farina di mandorle, ma credo non abbia reso allo stesso modo. Per quanto riguarda la glassa la ricetta prevede di mescolare zucchero a velo a succo di limone e rum, ma se volete un consiglio usate o solo rum o solo succo di limone, a me la combinazione non è piaciuta!

OSTERZOPF MIT MANDELN

500 gr farina
25 gr lievito di birra
200 ml latte tiepido
100 gr zucchero
50 gr burro morbido
1 tuorlo d’uovo a temperatura ambiente
100 gr di mandorle sfilettate

2 cucchiai di burro fuso
100 gr zucchero a velo
3 cucchiai di rum
2 cucchiai di succo di limone (io consiglio o 5 cucchiai di rum, o 5 di succo)

In una ciotola versare la farina, creare un buco al centro e versarvi il latte in cui è stato fatto sciogliere il lievito. Con una forchetta iniziare ad amalgamare. Aggiungere poi lo zucchero, il tuorlo e il burro a pezzettini e impastare con le mani fino ad ottenere un impasto sodo. Coprire e lasciare lievitare al caldo 40 minuti.

Versare l’impasto in planetaria, impastare a potenza media per qualche minuto, aggiungere le mandorle e lasciare impastare fino a che sono incorporate. Coprire e lasciare lievitare al caldo per 2 ore circa.

Dividere l’impasto in 3 porzioni (usare la bilancia per essere più precisi), e con il palmo delle mani allungare ciascuna porzione in modo da ottenere 3 lunghe strisce. Formare una treccia ben stretta, rigirare le estremità al di sotto della treccia in modo che non si aprano, spennellare con il burro fuso e lasciare lievitare per 40 minuti.

Preriscaldare il forno a 180°.
Cuocere per circa 40 minuti o fino a che assuma un colore dorato.
Versarvi la glassa quando ancora tiepido.
Servire liscio o spalmare le fette con burro o con marmellata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: