Feed RSS

Focaccia ripiena alla mediterranea

Inserito il

Focaccia ripiena alla mediterranea

Ricettina salata oggi. Stavo sfogliando l’ultimo libro di Sigrid Diario italiano quando mi è balzata all’occhio questa delizia.
Sapori buoni, mediterranei e nessuna attesa per la lievitazione. Farà al caso vostro per una cena o pranzo improvvisato da accompagnare a una bella insalatona.

La foto, abbastanza deludente, non credo vi attirerà, ma provatela e vi ricrederete!
Questo impasto molto particolare ed elastico è molto versatile, credo che lo riutilizzerò per altre preparazioni. Inoltre gli ingredienti per il ripieno potete cambiarli a vostro piacimento. Anche io infatti nella versione che vi ripropongo ho apportato alcune modifiche all’originale in base a quello che c’era in casa!

FOCACCIA RIPIENA ALLA MEDITERRANEA

Ripieno:
5 acciughe
3 cipolle (rosse preferibilmente)
2 cucchiai di capperi sotto sale (dissalateli prima dell’uso)
20 olive
1 pugno di erbette già cotte e strizzate
origano
scorza di limone
250 gr ricotta
olio, sale, pepe

Sfoglia:
500 gr farina di grano duro (ho usato la 0, non avevo altro in casa)
6 gr lievito di birra
100 ml vino bianco
100 ml olio
2 cucchiai di succo di limone

Partire con il ripieno. Sciogliere in un filo d’olio le acciughe in una padella. Aggiungere le cipolle tagliate a rondelle non troppo sottili, insieme alle olive e ai capperi tagliati grossolanamente. Dopo qualche minuto aggiungere le erbette tritate, la scorza di limone e 1 cucchiaino di origano. Far cuocere per una decina di minuti poi togliere dal fuoco, salare pepare e amalgamare la ricotta.
Preriscaldare il forno a 200°.
Se siete di fretta l’impastatore viene in vostro soccorso per le sfoglie, se no a mano è altrettanto veloce.
Disporre la farina a fontana, versarvi al centro mezzo bicchiere d’acqua in cui è stato sciolto il lievito. Versare il vino, l’olio e il limone. Impastare e aggiungere acqua al bisogno.
Dividere l’impasto in 3 e stendere delle sfoglie sottili delle misure di 30×40 cm con il matterello. Suddividere il ripieno in 3, distribuirlo al centro delle tre sfoglie. Per la chiusura io ho prima ripiegato sul ripieno il bordo superiore e inferiore, poi ho piegato prima il lembo destro e poi il lembo sinistro sovrapponendoli. Sigrid invece propone la piega a portafoglio: prima ripiega i bordi, poi porta al centro contemporaneamente lembo destro e sinistro (senza che si sovrappongano) e poi ripiega il tutto a metà.
Disporre su una teglia le tre focacce, spennellarle d’olio e infornare per circa 30/40 minuti, fino a che si dorino.
Addentarle tiepide.

Annunci

»

  1. Ciao Anna, le torte salate mi piacciono quasi quanto le dolci!
    La farò al più presto, domanda ma non ha bisogno di lievitare visto che contiene lievito di birra?grazie!

    Rispondi
    • Questa domanda me la sono posta anche io, però ho seguito la ricetta. Sono alla ricerca di informazioni del perché in questo caso usare lievito di birra anziché un normale lievito istantaneo. Ti farò sapere.

      Rispondi
      • Non trovo risposte possibili. Nella fretta di farlo non mi sono posta il dubbio, anche perché la ricetta specifica il fatto che non necessitasse di tempo di lievitazione. Il lievito di birra ha bisogno di tempo e calore per attivarsi al meglio. Infatti nelle altre versioni che ho trovato in internet per l’impasto si procede con il classico sistema.
        Se qualcuno può aiutarci si faccia avanti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

http://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice&Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: