Feed RSS

12# Dolce sorpresa

Inserito il

Dolce sorpresa

Il secondo appuntamento del ciclone dietetico ha come protagonista questa torta, non tanto bella, ma molto gustosa che nasconde gli ingredienti più imprevedibili!

L’ispirazione arriva dalla torta di pane che generalmente viene fatta per consumare il pane raffermo dimenticato da settimane, ma in questa versione sono stati usati “scarti” più ricchi.
Passate le feste non si sa perchè nessuno ha più voglia di finire quell’ultima fetta di panettone o pandoro, nei barattoli ci sono 2 o 3 biscotti per tipo che nessuno si fila più, e in casa nostra c’erano babà (non imbevuti e fatti seccare) che mi erano avanzati da Natale e di cui non se ne voleva più sentire parlare.
Mai credereste che tutto questo possa essere stato degnamente recuperato e trasformato in trancetti deliziosi da intingere nel latte o sbocconcellare per merenda..ebbene è ora di svuotare scatole, barattoli e vasetti!

Diciamo che una ricetta vera e propria non è possibile stilarla..dipende sempre da che recuperi volete fare! Vi do quindi le indicazioni di quello che ho fatto io e adattatele alle vostre esigenze!

Vi dico solo che qui in casa è titolata come una delle torte più buone!!

DOLCE SORPRESA

600 gr misti tra biscotti secchi, pandoro, babà al cacao (che possono essere sostituiti con altrettanto pane)
600 gr latte (se usate solo pane può darsi che ne serva di più, la valutazione è a occhio)
50 gr marsala
100 gr farina di nocciole
1 uovo
q.b. zucchero (io non ne ho messo perchè era già dolce, aggiungete un cucchiaio per volta e provate)
scorzette, noci, nocciole, uvetta, cioccolato, cacao a piacere

Sbriciolate prima con il coltello e poi con le mani il pane (o tutto il resto) e mettete in una ciotola. Aggiungete piano piano il latte e il marsala, in base anche alla quantità che viene assorbita, lasciate riposare per un’oretta.
Preriscaldate il forno a 180°.
Riprendete il composto e valutatene la consistenza girando con una forchetta: deve essersi formata una poltiglia, ma che non sia troppo liquida, nel caso sia asciutta aggiungere ancora un pò di latte. Poi aggiungere la farina di nocciole, lo zucchero, frutta secca a piacere e se usate il pane vi consiglio di aggiungere 2/3 cucchiai di cacao amaro. Da ultimo aggiungete l’uovo leggermente sbattuto.
Foderate una teglia con carta da forno bagnata e strizzata e versatevi il composto. Infornate per 40 minuti circa, fate la prova dello stecchino. Sfoderate, tagliate a cubi e addentate!

Annunci

Una risposta »

  1. Finalmente sono riuscita a fare questa torta, che mi ispirava molto, ma che non avevo mai fatto nè assaggiato! È molto buona!!! Sono veramente contenta!
    Grazie mille Anna! Alla prossima!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: