Feed RSS

3# Apple and blackberry pie

Inserito il

Finalmente ricomincia la conta delle torte, se no alle milleeunatorta non arrivo più!
Complice di questa crostata, o meglio pie, è sempre la mamma, che è tornata a casa con le succose, asprigne, nerissime  e ultime more della stagione!
In questo periodo ho una mania per tutto quello che è americano, dalla apple pie, alla pumpkin pie, ai muffin..non che io cucini tutto il giorno, ma piuttosto sono alla continua ricerca di ricette sul web, fino a che non trovo l’occasione per testarle.
Il bello delle pie (quelle chiuse, tipo Nonna Papera) è che tutto il gusto si concentra nel ripieno: un’esplosione di frutta avvolta da un sottile guscio di pasta brisè. Cosa c’è quindi di meglio di una pie per esaltare il sapore della frutta di stagione e coccolarsi con un dolce poco calorico??
Niente se non una bella apple pie con tante belle more..

Per il guscio ho usato una brisè classica, per il ripieno tante mele renette e golden stufate, delle more e un pizzico di cannella!

APPLE AND BLACKBERRY PIE

Pasta brisè:
300 gr farina
150 gr burro freddo
3 cucchiai zucchero
4 cucchiai acqua ghiacciata

Ripieno:
3 mele renette
3 mele Golden
200 gr more
4 cucchiai zucchero canna
1 cucchiaino cannella
2 cucchiai farina di mandorle

Preparare la brisè. In un mixer versare la farina, lo zucchero e il burro, frullare per 5 secondi. Aggiungere l’acqua e azionare il mixer fino a che non si formi una palla compatta. Avvolgere in una pellicola e lasciar riposare in frigorifero almeno mezz’ora.
Preparare il ripieno pelando e tagliando a fette sottili le mele. Scaldare in una grande padella antiaderente una noce di burro, versare le mele e lo zucchero, lasciare che cuociano fino a che perdano la loro acqua e si sfaldino leggermente. Aggiungere le more e lasciar cuocere ancora 5 minuti. Travasare in una pirofila e far raffreddare. Aggiungere al ripieno la cannella e le mandorle.
Preriscaldare il forno a 180°.
Imburrare e infarinare una teglia da 23 cm Ø. Prendere i 2/3 dell’impasto, stenderlo in uno strato sottile e foderare la teglia. Versare all’interno il ripieno. Stendere in uno strato sottile la restante parte dell’impasto, praticare dei tagli o dei fori, a proprio piacere, per far uscire il vapore in cottura e disporre il disco sul ripieno. Piegare i bordi della base sul disco superiore e fare una leggera pressione per chiudere la pie. Decorare a piacere, spennellare leggermente di latte e per un aspetto più rustico spolverare di zucchero di canna.
Cuocere per circa 50/60 minuti, lasciar raffreddare completamente prima di togliere dallo stampo.

Note: la pie in sè è di facile esecuzione, l’unica attenzione da prestare è per le tempistiche!Il raffreddamento della frutta è fondamentale affinché la brisè non si sciolga al suo calore..la pie finita impiega un bel pò a raffreddarsi, quindi vi consiglio di prepararla la mattina per il pomeriggio!


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La petite casserole

Recettes d'une italienne à Montréal

rise of the sourdough preacher

Of homemade bread, food and other recipes / Una storia di pane fatto in casa, cibo ed altre ricette

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

Mostracci di Elena Terenzi

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

atBB's

Under the same roof... an architect, a journalist & a little baby girl

Ostriche

Laboratorio di cucina e altre storie

cakegardenproject

cake garden and plus

Con Un Poco Di Zucchero

Quel che accade nella cucina di una food blogger

https://www.lagreg.it/

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

lefrivolezzedisimo

cosa sarebbero la vita e la cucina senza frivolezze ...

Panelibrienuvole

Ricette, suggestioni e divagazioni

Sweetie's Home

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Arabafelice in cucina!

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

- VANIGLIA - storie di cucina

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Kitty's Kitchen

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Labna

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Anice e Cannella

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

Un dejeuner de soleil

...Ogni volta dico a me stesso che è l'ultima volta, ma poi sento il profumo della sua cioccolata calda...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: